Recensione di Sanxion

Copertina di Sanxion
Editore
Thalamus
Anno
1986
Genere
Sparatutto, Orizzontale
Scheda gioco
Recensione di
Lux
Pubblicata il
01-05-2006
Media voti
7


sanxion_01.png

Ricordo uno dei tanti lontani pomeriggi di oramai quasi venti anni fa (!), passando dal nostro negozio di computer fidato in cerca di novità per il C64… Io e il mio amico Marco (si ancora lui: eravamo inseparabili all’epoca…) fummo accolti dal Sig. Pietro (il proprietario del suddetto negozio) stranamente di ottimo umore (era sempre scontroso e non voleva mai caricare i giochi per farceli vedere, men che mai provare…) che ci disse che aveva appena caricato un nuovissimo gioco “spaziale”.

Stranamente, subito dopo resettò il C64 in esposizione e caricò nuovamente il tutto. Noi gli chiedemmo il perché avesse resettato il gioco e lui ci rispose che dovevamo aspettare e vedere.

Il gioco “spaziale” (in realtà uno spara e fuggi a scrolling orizzontale) in questione si chiamava Sanxion ed era l’opera prima di una nuova software house che nel giro di pochi anni si sarebbe imposta all’attenzione del mondo video-ludico come una delle migliori sul mercato: la leggendaria Thalamus.

Sanxion, come scoprimmo in seguito una volta caricato il gioco a casa, era uno spara e fuggi a scorrimento orizzontale abbastanza standard, ma aveva dalla sua, oltre alla straordinaria colonna sonora introduttiva, ad opera di un certo Rob Hubbard…anche una realizzazione tecnica decisamente sopra la media. Lo scrolling era velocissimo ed impeccabile ed era addirittura possibile, inclinando il joystick lateralmente, aumentare o diminuire la velocità della nostra navicella spaziale senza che questo causasse il minimo problema di fluidità la quale rimaneva perfetta anche a tutta manetta (davvero notevole per l’epoca).

sanxion_02.png

Inoltre il gioco, opera prima dell’altrettanto leggendario Stavros Fasoulas, prevedeva la presenza di uno split screen nella parte superiore del video all’apparenza perfettamente inutile, ma che in realtà risultava fondamentale nell’economia del gioco poiché, rappresentando l’area di gioco ad una scala minore, permetteva di scorgere l’arrivo delle formazioni nemiche in anticipo rispetto allo schermo principale.

Una sorta di “radar” o scanner dunque, ma realizzato in modo davvero eccellente e molto originale, con visuale della nostra navicella, dei fondali di gioco e dei nemici dall’alto (a “volo di uccello”) mentre nella finestra principale l’inquadratura era laterale. Inoltre tutti gli sprite a video oltre che scrollare molto fluidamente erano molto colorati e ben animati con fondali caratterizzati da un livello di dettaglio e da cromatismi che prima di allora davvero raramente si erano visti. Insomma una realizzazione tecnica davvero di gran classe.

Purtroppo se da un punto di vista tecnico Sanxion era un reale capolavoro, dal punto di vista della giocabilità esso diventava semplicemente un gioco standard in quanto l’azione blastatoria, pur essendo veloce e frenetica, perdeva di mordente dopo poco tempo essendo abbastanza ripetitiva e priva di spunti particolari (bisognava praticamente sparare semplicemente a tutto quello che si muoveva evitando gli ostacoli e distruggendo i nemici nel minor tempo possibile). Una volta passato l’entusiasmo iniziale per l’ottima realizzazione grafico/sonora, ciò che rimaneva era un solido spara e fuggi che però alla lunga diventava abbastanza tedioso poichè il gioco non offriva nessun spunto degno di nota e superiore alla media degli shoot ‘em up del periodo.

Neanche la presenza di un coloratissimo quadro bonus da “sbloccare” tra un quadro e l’altro contribuiva a risollevare il livello di interesse del giocatore smaliziato. Inoltre la difficoltà era settata su standard decisamente alti ed il progredire del gioco necessitava innumerevoli tentativi richiedendo molta pazienza e “spirito di sacrificio”.

In ogni caso Sanxion appartiene di diritto, soprattutto per quel che riguarda la incredibile musica introduttiva (è la dimostrazione che l’aspetto sonoro è importante tanto quanto, se non più di quello grafico, cosa questa che le produzioni moderne sembrano aver dimenticato…), alla storia del Commodore 64 e dei video-giochi in generale e, tuttora delle volte riesco ancora ad emozionarmi caricandolo per qualche veloce partita che mi riporti indietro a quel solito pomeriggio in cui io ed il mio amico Marco ci recavamo nel nostro negozio di computer preferito in cerca di novità…

Pagella Finale

Grafica: 8/10

Scrolling velocissimo ed impeccabilmente fluido, sprite ottimamente animati e colorati che si muovono su sfondi definiti e pieni di dettagli e caratterizzati da un eccellente uso della palette di colori. Davvero non si potrebbe chiedere di più dal piccolo/grande CBM.

Musica: 10/10

Colonna sonora introduttiva semplicemente ed assolutamente incredibile ad opera di uno dei più famosi musicisti SID di allora: Rob Hubbard. Accanto ad una delle migliori musiche per C64 ci sono tuttavia anche ottimi effetti sonori. Un prodotto superlativo che merita il massimo dei voti.

Giocabilità: 6/10

Il punto debole del gioco. Il tutto perde velocemente di mordente conl passare del tempo in quanto l’azione pur essendo inizialmente adrenalinica e furiosa alla lunga diventa ripetitiva e priva di spunti particolari. Alto il livello di difficoltà.

Totale: 7/10

Sebbene davvero straordinario dal punto di vista grafico/sonoro, tuttavia il tutto rientra nei livelli medi degli spara e fuggi del periodo a causa della semplicissima azione blastatoria. Sono presenti alcune buone idee come lo split screen con funzione di radar ed i quadri bonus attivabili se si completa un livello in un certo limite di tempo ma, nonostante tutto, dopo un po’ il gioco perde d’interesse per la ripetitività dell’azione. Tuttavia il tutto merita davvero di essere giocato anche solo per la colonna sonora.
Nota: La pagella finale è stata abolita nel 2007.
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Teenage Mutant Hero Turtles - The Coin-Op!
"Davvero un giocone !! Grafica, musica, gameplay da urlo. L'unica pecca (e purtroppo non è una pecca da poco) è il bilanciamento della difficoltà, praticamente nullo. Finito al secondo o terzo tentativo, l'ho rigiocato di recente, dopo molti anni e dopo essermi totalmente disabituato (ma si può dire "disabituato"?) allo stile di gioco anni '90 ma niente da fare, sfida pressochè nulla. Fosse stato un pochetto più difficile, si sarebbe beccato un 10 senza ombra di dubbio, ma resta comunque una delle conversioni migliori di tutti i tempi."
- Scritto da Nicco
Ult. Commento Art.
Intervista ad Antony Hager e Paul Docherty
"Intervista da pelle d'oca e molto interessante!Non immaginavo minimamente che dietro la fase di guida di VENDETTA ci fosse la mano "DriftEsperta"di Butler, dopo eoni si scoprono cose e si comprende meglio il perchè di tale qualità.GRAZIE ..."
- Scritto da Amy-Mor
Ospitato su