Recensione di Jupiter Lander

Copertina di Jupiter Lander
Editore
Commodore
Anno
1982
Genere
Arcade, Lander
Scheda gioco
Recensione di
MarC-ello
Pubblicata il
13-02-2005
Media voti
6.29


Chi non ha presenti, bene o male, le delicatissime operazioni di atterraggio delle sonde spaziali? In tali concitati momenti non c'è solo in ballo, naturalmente, il bel "gruzzolone" speso per la ricerca e la realizzazione del progetto, ma anche la possibilità, di valore inestimabile, di poter scattare delle foto ed effettuare degli studi riguardanti un pianeta a noi lontanissimo! Chi dunque non vorrebbe provare questa grande emozione? Chi non vorrebbe provare ad effettuare un'operazione così delicata e nel contempo entusiasmante? A soddisfare questo nostro desiderio ci ha già pensato molti anni fa mamma Commodore, sfornando Jupiter Lander.

 In due parole, il gioco consiste nel riuscire a fare atterrare una sonda nel suolo di Giove, facendo attenzione che, al momento dell'atterraggio, la velocità della sonda stessa non sia eccessiva, onde evitare che questa si sfracelli (e che quindi il suddetto "gruzzolone" risulti sprecato). Inoltre, bisogna stare attenti ad atterrare solo nei punti prestabiliti ed opportunamente contrassegnati! Il gioco non può essere definito in altro modo se non spartano (e già sono stato buono). La grafica non è molto curata. Lo sprite principale è dato da una sonda spaziale, dettagliata ma dotata di un solo colore.

Anche il suolo del pianeta è rappresentato con un solo colore, ed è un po' squallido, poiché totalmente privo di particolari (un terreno che si rispetti presenta dei ciottoli, delle buche... non è perfettamente omogeneo come un paté di tonno!). Pure il titolo del gioco è disegnato un po' alla buona: il risultato è scarno e molto stilizzato. Il font non è proprio dei migliori (trovo che la O sia un po' troppo "pesante") ma è comunque discreto. Semplice ma chiaro ed efficace il riquadro delle informazioni presente sulla destra del video, che visualizza il nostro punteggio, il record e la velocità corrente della nostra sonda (qualcosa di buono c'è fortunatamente...).

Come musica ed effetti sonori, i livelli raggiunti sono veramente minimali. Per la musica, è stata utilizzata soltanto una delle tre voci disponibili. Si riconosce a stento il nome SID dietro a queste melodie estremamente semplicistiche (peraltro, anche dal punto di vista puramente musicale, siamo ai livelli dei vari "para-ponzi-ponzi-pò"!). Il suono, come timbro, è simile a quello dell'allarme di un banale orologio da polso.

Le esplosioni e il rumore dei propulsori della sonda sono anch'essi riprodotti in maniera molto elementare... e ne risulta una qualità piuttosto scadente, al livello degli esempi per principianti presenti nel manuale dell'utente... Nonostante gli aspetti negativi ora elencati, il gioco risulta almeno in un primo momento, udite udite, divertente! Non è facile all'inizio fare atterrare con successo la sonda, ma agendo opportunamente su ciascun propulsore è possibile riuscire a guidare il nostro mezzo con la precisione e delicatezza necessarie.

L'indicatore della velocità sulla destra ci aiuta a dosare correttamente l'azione dei propulsori, indicandoci se siamo o meno nel campo di velocità adatto per l'atterraggio (se si sbaglia anche di un soffio, la sonda esploderà. Bisogna essere molto pignoli!). I possibili punti sui quali atterrare sono tre. Ciascuno è caratterizzato da un proprio grado di difficoltà e da un punteggio ad esso commisurato.

Nonostante il divertimento iniziale una volta imparato a guidare la sonda, in poco tempo il gioco rischia di diventare, nell'ordine: molto ripetitivo, monotono, alienante! Il paesaggio sul quale effettuare gli atterraggi è sempre lo stesso, quindi la longevità del gioco è praticamente nulla.

In definitiva, l'idea è molto buona, il gioco costituisce un buon esercizio di riflessi e destrezza, ma non è certo uno di quei titoli che giocherete e rigiocherete nel tempo. Certo, se il gioco si articolasse in più livelli, ciascuno con una propria conformazione, e fosse caratterizzato da grafica e musica decisamente migliori, sarebbe tutta un'altra storia... ma probabilmente gli sviluppatori rischiavano di perdere qualche treno ed hanno optato per le soluzioni più sbrigative!

Pagella Finale

Grafica: 5/10

Lo sprite e il suolo di un solo colore rendono l''aspetto del gioco piuttosto scarno. Attenzione molto scarsa ai dettagli. Il profilo del suolo, comunque, è disegnato discretamente.

Musica: 2/10

Le musiche sono molto semplici ed utilizzano una sola voce. Perfino dal punto di vista prettamente musicale le melodie risultano scarne e poco originali. Anche gli effetti sonori sono di scarsa qualità (si limitano a semplici fruscii e poco più, stile esempi in BASIC del "manuale dell''utente").

Giocabilità: 6/10

Di primo impatto la giocabilità risulta buona. E'' un bel esercizio di abilità riuscire a fare atterrare la nostra sonda nel posto giusto, con la giusta velocità, evitando di schiantarci sulle pareti rocciose. Tuttavia, nel breve il gioco risulta molto ripetitivo, ed il rischio è quello di stancarsi presto.

Totale: 5/10

Jupiter Lander è un gioco minimale, di quelli che potevano essere entusiasmanti soltanto agli albori del computer gaming. Nemmeno sfiora la reali potenzialità del Commodore 64.
Nota: La pagella finale è stata abolita nel 2007.
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Katakis
"La diatriba Katakis vs Armalyte è sempre esistita, e anche da piccolino (Armalyte però lo conoscevo col nome Campi Stellari su una cassetta scrausa) ne "discutevo" simpaticamente con i miei amici. Oggi da adulto retrogamers, dopo averli rigiocati e finiti nuovamente entrambi, la mia opinione onestamente resta la medesima, e cioè che Katakis è superiore ad Armalyte poiché più accessibile e giocabile. Se da un lato di puro sblastamento Armalyte è superiore a Katakis per via di uno schermo più vasto e più possibilità di dinamicità e di spostamento, è pur vero che quest'ultimo è quasi impossibile da portare a termine. Katakis, diversamente, ci viene incontro attraverso un sistema di armi studiato a pennello, che non abbandona il videogiocatore proprio quando ne ha più bisogno e ci regala una vita extra per ogni livello superato, basta questo? Tecnicamente, poi, Armalyte si può solo sognare il parallasse multistrato di Katakis, la sua varietà degli ambienti, i colori e la musica (e che musica) in game. Sì, ok, Katakis è pieno di bug, le collisioni sono pessime e i boss di fine livello sono solo un pretesto scenografico da sborone, ma cacchio è bello affrontarli e,soprattutto,è DIVERTENTE!La voglia di proseguire è sempre lì che ci fa cliccare sul pulsante fire per ricominciare una nuova partita, consapevoli che riusciremo ad arrivare più in la dell'ultima appena finita. Entrambi titoli da giocare e gustarsi in pieno e nel pieno rispetto dello stile retrò, ma Katakis è un'altra cosa punto!"
- Scritto da Amy-Mor
Ult. Commento Art.
Intervista ad Antony Hager e Paul Docherty
"Intervista da pelle d'oca e molto interessante!Non immaginavo minimamente che dietro la fase di guida di VENDETTA ci fosse la mano "DriftEsperta"di Butler, dopo eoni si scoprono cose e si comprende meglio il perchè di tale qualità.GRAZIE ..."
- Scritto da Amy-Mor
Ospitato su