Recensione di Hawkeye

Copertina di Hawkeye
Editore
Thalamus
Anno
1988
Genere
Platform, Scrolling-Screen
Scheda gioco
Recensione di
DustBin
Pubblicata il
02-09-2004
Media voti
7.6


Medaglia d'oro sul numero di ZZAP! in cui e' stato recensito, possiamo considerare Hawkeye come uno dei migliori platform disponibili per il nostro amato Commodore 64. Quali erano i suoi punti di forza? Molti.

Innanzitutto la fase di caricamento vi consente di modificare la musica dinamicamente, impostando una certa linea di basso, di lead, di batteria e di combinare il tutto in molti modi diversi. Durante il caricamento da cassetta era un bel sollazzo, ve l'assicuro. La versione su floppy disk invece offriva la stessa possibilità, ma il caricamento si fermava per consentirvi di giocherellare" un po' con questa interessante caratteristica. Per la cronaca, comunque, l'idea della colonna sonora modificabile venne introdotta per la prima volta in Delta.

hawkeye_01.png

Rimanendo sempre in tema di sonoro, non si potrà fare a meno di rimanere ipnotizzati dalla musica dello schermo dei titoli, ad opera di quella Leggenda vivente che e' Jeroen Tel. Si potrà scegliere di giocare anche solo con gli effetti sonori. Jeroen Tel compi' un piccolo miracolo utilizzando, per la musica in-game, due soli canali del SID. La terza voce e' lasciata libera per gli effetti sonori ma, con soli due canali in uso, la musica era comunque molto coinvolgente.

Lo scopo del gioco e', nel concetto, molto semplice: dovrete raccogliere 4 frammenti sparsi per i livelli, complessivamente 12, a scorrimento orizzontale. La direzione da prendere e' data dagli occhi lampeggianti dei falchi nella parte superiore dello schermo. Pensate che sia semplice?

Provate, e sappiateci dire... Ad ostacolarvi troverete una serie di creature che vi attaccherà in massa, giganti altissimi da far fuori a colpi di laser, volatili che seguiranno infime traiettorie prima di colpirvi.

Succederà piu' spesso di quello che pensate di finire in un buco, dopo un salto. Certo, perché saltare sulle piattaforme richiedeuna precisione millimetrica, e mentre saltate dovrete cercare di evitare i nemici o di farli fuori se in quel momento avete munizioni. E inoltre, certe piattaforme, sono piazzate in modo tale da farvi tornare indietro se sbagliate direzione.

Il livello di difficoltà' del gioco e' settato di default su "diabolico". Sparse per il livello troverete anche armi più' potenti, selezionabili con i tasti funzione. Infatti, per distruggere i nemici non sarà quasi mai sufficiente un solo colpo ma diversi, e a volte intere raffiche. Il laser e' l'arma più' veloce e molto potente, ma ovviamente non ha energia infinita.

La meccanica di gioco si riduce a questo: correre e saltare a destra e sinistra per il livello, raccogliendo gli elementi necessari per superarlo. Certo, ci sono anche alcuni elementi di strategia, come il tipo di arma da selezionare in determinate situazioni, ma poco altro. Fortunatamente e' possibile compiere spostamenti durante il salto, altrimenti la giocabilità subirebbe davvero un duro colpo.

Ad ogni modo, una volta raccolti tutti i frammenti necessari, per superare il livello sarà sufficiente dirigersi alla sua estrema destra. Ovviamente, nulla vieta di morire durante il percorso, con conseguente frustrazione. Una volta superato il livello riceverete un bonus e potrete godervi l'animazione del cyborg che viene ricaricato di energia. Il protagonista del gioco e' in effetti un cyborg, denominato SLF (Synthetic Life Form).

L'aspetto grafico di Hawkeye e' curatissimo, tuttavia rimango ancora perplesso riguardo a un' affermazione che lessi sulla recensione di ZZAP! in cui si menzionava un fantomatico scrolling parallattico. A onor del vero la schermata sottostante il livello scorrevole e' statica. Dove sta l'effetto di parallasse? Sia chiaro, non e' nulla che va ad inficiare la qualita' generale del gioco, elevatissima, ma non c'è alcun scrolling parallattico in Hawkeye.

Un altro fatto che vi lascera' senza parole e' l'animazione durante la corsa del personaggio principale: fluida, realistica, atletica. A mia memoria, solo in Impossible Mission lo sprite principale e' animato in modo simile. Il che vuole essere un enorme complimento. Il team di sviluppo del gioco e' tutto olandese: dopo il gia' citato Jeroen Tel e' doveroso menzionare Mario Van Zeist (programmazione) e il duo Arthur Van Jole e Jacco Van't'Riet (grafica). Anche in questo caso, la Thalamus fece centro: uno dei tanti.

Pagella Finale

Grafica: 9/10

Davvero magnifica. Colorata e varia, sprites ottimamente realizzati e animati.

Musica: 9/10

L'aspetto sonoro e' curato magistralmente. Non c'è molto altro da aggiungere in questo caso.

Giocabilità: 8/10

Obiettivamente, lo schema di gioco non e' molto vario. Tuttavia, dovrete sempre essere molto concentrati per riuscire a superare ogni livello (e provateci senza trainer: non sarà per niente semplice).

Totale: 8/10

Un platform game davvero molto bello. Forse secondo solo a Flymbo's Quest.
Nota: La pagella finale è stata abolita nel 2007.
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Last Duel
"Un paio di mesi dopo la discussa review (76%..) del bel Led Storm di Software Creations, arrivò sulle pagine di Zzap (maggio 89) questo Last Duel, conversione di un altro coin-op Capcom che aveva in comune con il primo non solo parte del' impostazione ma anche l'anno di uscita in sala giochi (1988). Rispetto all'edizione inglese il voto di Last Duel fu alzato di una decina di punti e diciamo che ci poteva stare, perchè alla fine si tratta di una discreta conversione che con qualche accorgimento in più poteva diventare valida. Ma non ci lamentiamo più di tanto visto che i programmatori della Tiertex già avevano rovinato dei miti come 1943 o Rolling Thunder. Il coin-op all'epoca me lo sono giocato e devo dire che questo porting lo ricorda abbastanza, sopratutto sui fondali che possiedono una buona varietà e dettaglio, non altrettanto si può dire dei nemici che boss a parte risultano semplificati sia nella quantità che nella qualità. Nel arcade ogni livello ha nemici nuovi, qui si incontrano gli stessi dei primi livelli per tutto il gioco (la versione Amstrad possiede più varietà),considerando che c'è il multiload non è una bella cosa, visto che Led Storm in un singolo caricamento ne offriva di più. Per quanto riguarda il gameplay c'è da evidenziare la possibilità di giocare in doppio, cosa non di poco conto. La frenesia però non raggiunge i livelli dell originale perchè i nemici su schermo sono in numero minore (niente nutrite formazioni da distruggere nei livelli spaziali), inoltre i fondali sono meno animati (assenti le lingue di fuoco oppure le mattonelle scivolose). I livelli ci sono tutti purtroppo manca il commento sonoro durante il gioco, gli effetti sonori comunque sono da preistoria del C 64. Vista la carenza di buoni verticali e il gameplay che prova a differenziarsi dalla massa con 2 sezioni ben distinte, diciamo che Last Duel si può considerare un discreto esempio del genere su 64."
- Scritto da shippo76
Ult. Commento Art.
C64 & Pirateria #00: Introduzione
"Molte di quelle riviste con cassetta contenevano anche recensioni di giochi "ufficiali" e altri articoli; ho scoperto (magari lo sapevate già, ma non mi pare che se ne parli in questo sito) che alcune di queste recensioni sono traduzioni più o ..."
- Scritto da Kirie e Leison
Ospitato su