Recensione di Microprose Soccer

Copertina di Microprose Soccer
Editore
Microprose Software
Anno
1988
Genere
Sport, Calcio
Scheda gioco
Recensione di
Roberto
Pubblicata il
18-04-2011
Media voti
8.73


microprose_soccer_01.png

Prendete il calcio, dividetelo nelle sue singole componenenti, buttate via quelle noiose e frullate tutto il resto. Servite in un bicchiere freddo.

Otterete una sfiziosa bevanda che potrete consumare piacevolmente, meglio se in compagnia di amici.

Ovvero, Microprose Soccer risulta una vera e propria centrifuga pallonara che ha rappresentato, al di là di ogni ragionevole dubbio, una delle più indovinate rappresentazioni su Commodore 64 dello sport più seguito del pianeta.

Quello che merita considerazione è il modo con cui si è raggiunto questo risultato. Privo di ogni velleità simulatoria, basato su un gioco maschio fatto di scivolate chilometriche, mischie furibonde e tiri a banana, M.S. rinuncia in tutto e per tutto ad ogni principio di aderenza alla realtà per creare un microcosmo a sè stante, piegando le leggi della fisica e della distanza a proprio uso e consumo e riuscendo nell'intento di far funzionare il meccanismo alla perfezione. Parrebbe quasi di assistere ad un altro sport o ad una partita a flipper, eppure il feeling del calcio è mantenuto inalterato.

In Microprose Soccer è il ritmo a fare la parte del leone; nonostante la rudezza degli interventi non esiste il fallo e pertanto non vi sono spezzettamenti nell'azione, almeno finchè la palla non varca la linea bianca che delimita il campo. Evenienza peraltro scongiurata nell'acclusa versione "Soccer all'americana".

All'interno di questo roseo contesto si segnala però anche la presenza di alcune stonature che potrebbero indurre qualche sintomo di frustrazione.

In primis, il portiere controllato dalla CPU è tanto saponetta tra i pali quanto super-eroe nelle uscite, anche nelle squadre più deboli. Occorrerà dunque ricorrere a schemi alternativi per andare a rete, tuttavia in talune occasioni si sente l'esigenza fisica di aggirare l'estremo difensore con un dribbling ubriacante o un pallonetto ma purtroppo l'operazione risulta definitivamente impossibile.

microprose_soccer_06.pngTra i difetti che si sarebbero potuti evitare con un pò di attenzione c'è anche la gestione del tempo, incidentalmente priva di ogni elementare barlume di intelligenza. Il tutto nel pieno rispetto della grande Verità espressa da quel santone che risponde al nome di di Vujadin Boskov, il quale asseriva senza tema di smentita che "...partita finisce quando arbitro fischia", e poco importa se ci si trova nel bel mezzo di un'azione pericolosa o, addirittura, se le palla sta beffardamente varcando la linea di porta.

Uno dei luoghi comuni più triti del calcio recita che alla fine di un campionato i torti e i favori si compensano (le busterelle no, quelle forse no...) ma perchè lasciare la possibilità ad un errore di verificarsi quando sarebbe bastato poco per evitarlo?

I puristi, dannati pignoli invisi ai più non gradiranno nemmeno la possibilità di battere un calcio d'angolo e con lo stesso giocatore involarsi in area per insaccare.

Esiste poi una situazione che ha il potere di mandare a monte una partita: può capitare che durante una delle tante aperture illuminanti che Microprose Soccer ci mette a disposizione (la "sventagliata" a banana da centro campo verso fascia per lanciare l'ala sulla fascia), la palla termini in una zona "cieca", una specie di terra di nessuno. A quel punto il risultato è cristallizzato e non resta che assistere inermi fino allo scadere del tempo mentre i giocatori avversari circondano la palla senza mai intervenire e i nostri sono fuori dal campo visivo.

Assolutamente degna di nota risulta la sezione relativa alle configurazioni di gioco, che consentono di cimentarsi in competizioni quali il Campionato del Mondo o di organizzare un proprio torneo personalizzato. Le squadre disponibili sono quelle del mondiale 1986, disastroso per i colori nazionali, cui è stato aggiunto l'Oman in omaggio al luogo di residenza della mamma di Jon Hare. Senza dimenticare la possibilità di modificare la sensibilità del Banana Shot o di stabilire la frequenza delle condizioni metereologiche, altra perla di innovazione introdotta da Hare e Yates.

Sebbene sia stato necessario elencare una serie di difetti in nome della rigorosità critica va però sottolineato in maniera decisa come questi restino indiscutibilmente trascurabili: Microprose Soccer è tra i giochi assurti a culto su Commodore 64 in virtù della sua immane giocabilità. E forse anche perchè tutte le situazioni di gioco al limite dell'impossibile cui veniamo messi di fronte richiamano alle mente i vecchi cartoni animati giapponesi, con cui un popolo intero esorcizzava la propria insipienza calcistica mettendo sul piccolo schermo le improbabili gesta di Shingo Tamai.

Ai giorni nostri molte cose sono cambiate, con FIFA (EA) e Pro Evolution Soccer (Konami), la direzione presa è quella dell'aderenza alla realtà, e la nazionale giapponese gode di doveroso rispetto anche da parte di avversari storicamente più blasonati.

Salvo perdere comunque, ma questa è un'altra storia.

Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Last Duel
"Un paio di mesi dopo la discussa review (76%..) del bel Led Storm di Software Creations, arrivò sulle pagine di Zzap (maggio 89) questo Last Duel, conversione di un altro coin-op Capcom che aveva in comune con il primo non solo parte del' impostazione ma anche l'anno di uscita in sala giochi (1988). Rispetto all'edizione inglese il voto di Last Duel fu alzato di una decina di punti e diciamo che ci poteva stare, perchè alla fine si tratta di una discreta conversione che con qualche accorgimento in più poteva diventare valida. Ma non ci lamentiamo più di tanto visto che i programmatori della Tiertex già avevano rovinato dei miti come 1943 o Rolling Thunder. Il coin-op all'epoca me lo sono giocato e devo dire che questo porting lo ricorda abbastanza, sopratutto sui fondali che possiedono una buona varietà e dettaglio, non altrettanto si può dire dei nemici che boss a parte risultano semplificati sia nella quantità che nella qualità. Nel arcade ogni livello ha nemici nuovi, qui si incontrano gli stessi dei primi livelli per tutto il gioco (la versione Amstrad possiede più varietà),considerando che c'è il multiload non è una bella cosa, visto che Led Storm in un singolo caricamento ne offriva di più. Per quanto riguarda il gameplay c'è da evidenziare la possibilità di giocare in doppio, cosa non di poco conto. La frenesia però non raggiunge i livelli dell originale perchè i nemici su schermo sono in numero minore (niente nutrite formazioni da distruggere nei livelli spaziali), inoltre i fondali sono meno animati (assenti le lingue di fuoco oppure le mattonelle scivolose). I livelli ci sono tutti purtroppo manca il commento sonoro durante il gioco, gli effetti sonori comunque sono da preistoria del C 64. Vista la carenza di buoni verticali e il gameplay che prova a differenziarsi dalla massa con 2 sezioni ben distinte, diciamo che Last Duel si può considerare un discreto esempio del genere su 64."
- Scritto da shippo76
Ult. Commento Art.
C64 & Pirateria #00: Introduzione
"Molte di quelle riviste con cassetta contenevano anche recensioni di giochi "ufficiali" e altri articoli; ho scoperto (magari lo sapevate già, ma non mi pare che se ne parli in questo sito) che alcune di queste recensioni sono traduzioni più o ..."
- Scritto da Kirie e Leison
Ospitato su