Recensione di 3-D Pinball

Copertina di 3-D Pinball
Editore
Mastertronic
Anno
1989
Genere
Arcade, Flipper
Scheda gioco
Recensione di
Cbm
Pubblicata il
25-07-2006
Media voti
7.29


3-D Pinball

Quando negli anni '70 il videogioco era ancora sinonimo di Pong, gli angoli dei bar riservati al gioco erano il regno incontrastato dei Flipper, che occupavano il posto d'onore.

Ricordo quando da bambino mio padre mi riforniva di qualche monetina da 50 Lire (proprio 50!), "folle" tributo dovuto a Re Flipper per concederti l'ingresso ad un mondo fatto di luci, suoni e parti meccaniche in movimento. Persino il punteggio era riservato a grossi contatori meccanici che ruotavano all'accumularsi dei punti.

Poi con gli anni '80 il videogioco prese lentamente il sopravvento e i flipper, nonostante nel frattempo si fossero convertiti sempre più all'elettronica, furono costretti ad abdicare. Ma non ci si dimenticò mai di loro, ed i programmatori di giochi sulle macchine a 8 bit presto iniziarono a offrire omaggi a quel mondo, sfornando molti simulatori.

Tra tutti questi 3D Pinball Power, uscito per C64 e C128, non arrivò certo tra i primi (è del 1989, quando la Mastertronic era ormai stata assorbita dalla Virgin), ma fu concepito in modo da essere più realistico possibile.

Infatti, a differenza della maggioranza di questi cloni dei flipper reali, i quali offrivano una visuale non certo realistica del gioco, mostrando in verticale il piano del gioco sullo schermo, il gioco programmato da Stephen Walters mostrava finalmente una prospettiva tridimensionale, con relativa impressione di profondità, irrinunciabile in un flipper vero. Il tentativo di realismo continua anche nella scelta dei tasti (ai lati opposti della tastiera) per comandare le leve, ci si posiziona come al bar, tasto C= per la mano sinistra, tasti cursore per la mano destra, a cui è demandato anche il compito di lanciare la pallina del gioco.

Pallina che, in quanto metallica, al rotolare non è certo silenziosa, e quindi il suo movimento è accompagnato da un rollio che dovrebbe rappresentare lo sfregare metallico prodotto dalla pallina in movimento. Insomma, accorgimenti importanti per tentare di ricreare una certa atmosfera e far dimenticare di essere davanti a uno schermo televisivo.

L'ambiente di gioco è quello classico. I disconi in alto, respingenti laterali e vari punti sensibili da colpire con le palline. Scopo del gioco, manco a dirlo, accumulare più punti possibile. A seconda degli oggetti colpiti, e dalle combinazioni di questi, si possono accumulare bonus (da 100 punti l'uno) che vanno ad incrementare il valore della ruota luminosa centrale. I punti bonus raggiunti verranno incamerati alla fine del turno, ma se si riesce a lanciare la pallina con adeguata forza sulla rampa alla sinistra, così da raggiungere il cosiddetto Bonus Trap, punto dove la pallina si blocca, verranno conteggiati due volte.

Se il lancio in questione viene fatto quando il bonus ha raggiunto la voce Extra Ball, niente bonus aggiuntivo sotto forma di punteggio durante il turno, ma una pallina extra per giocare ancora. Infine, e proprio per il suddetto scopo del gioco, non si può omettere di affermare che è un vero peccato che 3D Pinball Power sia solo per un giocatore. Mancanza imperdonabile il non aver previsto la possibilità di avere più giocatori a partita, ovvero la possibilità di sfide mirate al raggiungimento del record più alto. Avrebbe senza dubbio aggiunto un motivo d'interesse non indifferente al gioco. Adesso però è giunta l'ora di giocarci... ah, attenti a non fare TILT! (tranquilli, non è mica previsto...)

Pagella Finale

Grafica: 8/10

Riuscita in quanto essenziale e spartana, cosi come lo erano i flipper degli anni Settanta, per cui in base a questo il giudizio rimane comunque positivo. La prospettiva di gioco è costruita in uno pseudo 3D, in modo semplice ma efficace, capace di ingannare l'occhio al punto giusto da far percepire al giocatore un senso di profondità. Qualche piccola cura in più per i dettagli estetici ne avrebbe comunque migliorato l'impatto iniziale.

Musica: 7/10

Totale assenza di colonna sonora, sempre in ossequio alla filosofia minimalista del titolo, ma discreti effetti sonori durante il gioco, in particolare il tintinnare dei disconi è abbastanza evocativo e piacevole.

Giocabilità: 8/10

Pur senza eccellere in qualche aspetto in particolare, la giocabilità è garantita dall'impostazione 3D del gioco, dalla posizione dei controlli e dalla difficoltà mai frustrante. Gli effetti presi dalla pallina sono quasi sempre realistici e l'animazione complessiva è fluida e veloce, salvo qualche rara accelerazione folle ed immotivata.

Totale: 8/10

Complessivamente una simulazione ben riuscita. Il gioco non stanca e la possibilità di raggiungere livelli bonus sempre più alti ne garantisce la longevità.
Pochi fronzoli, come si conviene ad un vero flipper di vecchia generazione, ma giocabilità pura.
Nota: La pagella finale è stata abolita nel 2007.
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Katakis
"La diatriba Katakis vs Armalyte è sempre esistita, e anche da piccolino (Armalyte però lo conoscevo col nome Campi Stellari su una cassetta scrausa) ne "discutevo" simpaticamente con i miei amici. Oggi da adulto retrogamers, dopo averli rigiocati e finiti nuovamente entrambi, la mia opinione onestamente resta la medesima, e cioè che Katakis è superiore ad Armalyte poiché più accessibile e giocabile. Se da un lato di puro sblastamento Armalyte è superiore a Katakis per via di uno schermo più vasto e più possibilità di dinamicità e di spostamento, è pur vero che quest'ultimo è quasi impossibile da portare a termine. Katakis, diversamente, ci viene incontro attraverso un sistema di armi studiato a pennello, che non abbandona il videogiocatore proprio quando ne ha più bisogno e ci regala una vita extra per ogni livello superato, basta questo? Tecnicamente, poi, Armalyte si può solo sognare il parallasse multistrato di Katakis, la sua varietà degli ambienti, i colori e la musica (e che musica) in game. Sì, ok, Katakis è pieno di bug, le collisioni sono pessime e i boss di fine livello sono solo un pretesto scenografico da sborone, ma cacchio è bello affrontarli e,soprattutto,è DIVERTENTE!La voglia di proseguire è sempre lì che ci fa cliccare sul pulsante fire per ricominciare una nuova partita, consapevoli che riusciremo ad arrivare più in la dell'ultima appena finita. Entrambi titoli da giocare e gustarsi in pieno e nel pieno rispetto dello stile retrò, ma Katakis è un'altra cosa punto!"
- Scritto da Amy-Mor
Ult. Commento Art.
Intervista ad Antony Hager e Paul Docherty
"Intervista da pelle d'oca e molto interessante!Non immaginavo minimamente che dietro la fase di guida di VENDETTA ci fosse la mano "DriftEsperta"di Butler, dopo eoni si scoprono cose e si comprende meglio il perchè di tale qualità.GRAZIE ..."
- Scritto da Amy-Mor
Ospitato su