Recensione di Berzerk Redux

Copertina Non Disponibile
Editore
(Non Pubblicato)
Anno
2009
Genere
Sparatutto, Schermo Singolo
Scheda gioco
Recensione di
Roberto
Pubblicata il
16-04-2011
Media voti
7.75


berzerk_redux_02.pngNarra la leggenda che già nei primi anni '80 il Commodore 64 fosse sul punto di avere la sua versione, seppur non ufficiale, di Berzerk (Stern Electronics, 1980 - Arcade).

Il gioco in questione avrebbe dovuto essere Shamus (Synapse Software, 1983), che però venne continuamente modificato per timore di incappare in beghe legali, fino al punto di diventare qualcosa di totalmente differente.

L'Universo però trova sempre la sua strada e a 15 anni dalla dissoluzione di Commodore USA, in pieno periodo post-commerciale, i reduci del glorioso passato che fu possono finalmente godere della trasposizione di un classico Arcade realizzata con estrema perizia.

berzerk_redux_04.pngAssemblato utilizzando una versione modificata del "mitologico" editor SEUCK (il SEUCK Redux, sempre ad opera di Martin Piper), Berzerk Redux è il classico arcade prima maniera, in cui la sostanza è tutto e l'immediatezza domina la scena.

Al contrario, è proprio la primordiale minimalità della grafica e degli effetti sonori (impreziositi però dalla solita, formidabile sintesi vocale che il SID può offrire) a rendere ancor più suggestiva l'esperienza, riuscendo alla perfezione nel tentativo di ricreare le atmosfere tecnologiche tipiche degli anni ottanta.

Berzerk incarna alla perfezione la filosofia del videogame arcade degli albori, nato per nutrirsi di monetine; c'è un inizio, ma non un finale. La conclusione di una partita può coincidere soltanto con la morte del giocatore, trascinato in un crescendo di difficoltà sempre più esasperata finchè, prima o poi, è destinato a soccombere, vuoi per stanchezza, sonno, fame o semplicemente perché va via la corrente. L'unico scopo possibile consiste dunque nella realizzazione di un punteggio più alto possibile da sbandierare a sé stessi o ad altri giocatori.

berzerk_redux_03.pngDi fronte ad una conversione così brillante, l'unico rammarico riguarda la mancanza di una versione commerciale corredata di confezione e floppy, resa impossibile dalle esose richieste sui diritti avanzate da Gary Stern, creatore del titolo originale. Il quale, però, non ha avuto nulla da obiettare sul rilascio del gioco in forma gratuita e nemmeno sulla realizzazione di una edizione limitatissima (10 copie) e accessibile soltanto a quanti hanno potuto presenziare al CommVEX, tenutosi nel 2010 a Las Vegas, Nevada.

Alla luce di questo sentimento di iper-protettività, risulta forse ancora più comprensibile il motivo per cui, sorvolando sugli oscuri Robot Run (1983, NET Software) e Cyberman (1983, J. Morrison Ltd.), si poteva giocare a Shamus ma non a Berzerk.

Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Last Duel
"Un paio di mesi dopo la discussa review (76%..) del bel Led Storm di Software Creations, arrivò sulle pagine di Zzap (maggio 89) questo Last Duel, conversione di un altro coin-op Capcom che aveva in comune con il primo non solo parte del' impostazione ma anche l'anno di uscita in sala giochi (1988). Rispetto all'edizione inglese il voto di Last Duel fu alzato di una decina di punti e diciamo che ci poteva stare, perchè alla fine si tratta di una discreta conversione che con qualche accorgimento in più poteva diventare valida. Ma non ci lamentiamo più di tanto visto che i programmatori della Tiertex già avevano rovinato dei miti come 1943 o Rolling Thunder. Il coin-op all'epoca me lo sono giocato e devo dire che questo porting lo ricorda abbastanza, sopratutto sui fondali che possiedono una buona varietà e dettaglio, non altrettanto si può dire dei nemici che boss a parte risultano semplificati sia nella quantità che nella qualità. Nel arcade ogni livello ha nemici nuovi, qui si incontrano gli stessi dei primi livelli per tutto il gioco (la versione Amstrad possiede più varietà),considerando che c'è il multiload non è una bella cosa, visto che Led Storm in un singolo caricamento ne offriva di più. Per quanto riguarda il gameplay c'è da evidenziare la possibilità di giocare in doppio, cosa non di poco conto. La frenesia però non raggiunge i livelli dell originale perchè i nemici su schermo sono in numero minore (niente nutrite formazioni da distruggere nei livelli spaziali), inoltre i fondali sono meno animati (assenti le lingue di fuoco oppure le mattonelle scivolose). I livelli ci sono tutti purtroppo manca il commento sonoro durante il gioco, gli effetti sonori comunque sono da preistoria del C 64. Vista la carenza di buoni verticali e il gameplay che prova a differenziarsi dalla massa con 2 sezioni ben distinte, diciamo che Last Duel si può considerare un discreto esempio del genere su 64."
- Scritto da shippo76
Ult. Commento Art.
C64 & Pirateria #00: Introduzione
"Molte di quelle riviste con cassetta contenevano anche recensioni di giochi "ufficiali" e altri articoli; ho scoperto (magari lo sapevate già, ma non mi pare che se ne parli in questo sito) che alcune di queste recensioni sono traduzioni più o ..."
- Scritto da Kirie e Leison
Ospitato su