News Completa

Arcade Porting - Donkey Kong 2016

Autore: Raffox - Pubblicato il 31 ottobre 2016

Donkey Kong 2016

Del classico Donkey Kong, coin-op della Nintendo, fino a oggi ne sono esistite due versioni per il C64: una pubblicata nel 1983 da Atarisoft e una nel 1985 da Ocean. Chi conosce queste due versioni avrà ben presente anche quanto la loro giocabilità discostasse da quella dell'arcade originale, sebbene gli assomigliassero molto... soprattutto nell'aspetto grafico. Il piacere di godersi tutta la giocabilità del vero Donkey Kong arriva nel 2016, grazie alla versione molto più fedele rilasciata da Ulrich Schulz, Oliver Lindau e Sascha Zeidler. Per gli approfondimenti (e ce ne sono parecchi!) potete consultare il thread nel forum e partecipare con i vostri commenti e opinioni se gradite. Per chi invece preferisse passare direttamente al videogame, può scaricarlo dalla scheda nel nostro database... e joystick in porta 2 per giocare!


Torna in Home Page - Visualizza tutte le news
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Katakis
"La diatriba Katakis vs Armalyte è sempre esistita, e anche da piccolino (Armalyte però lo conoscevo col nome Campi Stellari su una cassetta scrausa) ne "discutevo" simpaticamente con i miei amici. Oggi da adulto retrogamers, dopo averli rigiocati e finiti nuovamente entrambi, la mia opinione onestamente resta la medesima, e cioè che Katakis è superiore ad Armalyte poiché più accessibile e giocabile. Se da un lato di puro sblastamento Armalyte è superiore a Katakis per via di uno schermo più vasto e più possibilità di dinamicità e di spostamento, è pur vero che quest'ultimo è quasi impossibile da portare a termine. Katakis, diversamente, ci viene incontro attraverso un sistema di armi studiato a pennello, che non abbandona il videogiocatore proprio quando ne ha più bisogno e ci regala una vita extra per ogni livello superato, basta questo? Tecnicamente, poi, Armalyte si può solo sognare il parallasse multistrato di Katakis, la sua varietà degli ambienti, i colori e la musica (e che musica) in game. Sì, ok, Katakis è pieno di bug, le collisioni sono pessime e i boss di fine livello sono solo un pretesto scenografico da sborone, ma cacchio è bello affrontarli e,soprattutto,è DIVERTENTE!La voglia di proseguire è sempre lì che ci fa cliccare sul pulsante fire per ricominciare una nuova partita, consapevoli che riusciremo ad arrivare più in la dell'ultima appena finita. Entrambi titoli da giocare e gustarsi in pieno e nel pieno rispetto dello stile retrò, ma Katakis è un'altra cosa punto!"
- Scritto da Amy-Mor
Ult. Commento Art.
Intervista ad Antony Hager e Paul Docherty
"Intervista da pelle d'oca e molto interessante!Non immaginavo minimamente che dietro la fase di guida di VENDETTA ci fosse la mano "DriftEsperta"di Butler, dopo eoni si scoprono cose e si comprende meglio il perchè di tale qualità.GRAZIE ..."
- Scritto da Amy-Mor
Ospitato su