News Completa

Giochi - Novità

Autore: Raffox - Pubblicato il 11 agosto 2016

Avrete sicuramente notato anche voi di come in questi ultimi mesi  le produzioni videoludiche per ilPhase Out V2.0 Commodore 64 si siano sensibilmente, inaspettatamente intensificate. Tra i tanti titoli rilasciati questa volta vogliamo segnalarvene un paio che a nostro avviso meritano particolare attenzione, vuoi per l'originalità, vuoi per la bellezza grafica... ma forse... per entrambi gli aspetti. Il primo videogioco che vi segnaliamo è Phase Out V2.0, un LPE (Level Pack Edition) del già noto Phase Out pubblicato originariamente con label Psytronik nell'aprile del 2014. Si tratta quindi del medesimo game però con ben 45 nuovi livelli da giocare, pensati da Roy Fielding. Questo puzzle game è ideato da Ernst Neubeck, con le eccellenti collaborazioni di altri artisti molto conosciuti e apprezzati nella scena, tra cui Steven "STE" Day, Peter "Devilock" Stiekmann e Alex "Taxim" Ney. È commercializzato da INC-X Software in versione floppy disk. Inoltre, visitando questo link è possibile scaricare una demo di 7 livelli di Phase Out 1.4.

Spaceman Splorf

C'è poi da menzionare Spaceman Splorf: Planet of Doom, anche se con un po' di ritardo rispetto al rilascio ufficiale avvenuto a fine febbraio di quest'anno. Per chi se lo fosse perso, si tratta di un simpatico arcade in cui è necessaria una buona dose di prontezza di riflessi, decisioni rapide e destrezza. L'inconfondibile stile grafico di Vanja "Mermaid" Utne rende sempre onore ai 16 colori del Commodore 64. Questo game è distribuito gratuitamente da Pond Software il cui sito, oltretutto, offre interessanti anticipazioni su cosa bolle in pentola... e non è poco! In conclusione, siamo certi che condividerete con noi l'auspicio che questo momento particolarmente florido di release per il Commodore 64 persista il più a lungo possibile.

 

Buon Ferragosto a tutti!


Torna in Home Page - Visualizza tutte le news
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Last Duel
"Un paio di mesi dopo la discussa review (76%..) del bel Led Storm di Software Creations, arrivò sulle pagine di Zzap (maggio 89) questo Last Duel, conversione di un altro coin-op Capcom che aveva in comune con il primo non solo parte del' impostazione ma anche l'anno di uscita in sala giochi (1988). Rispetto all'edizione inglese il voto di Last Duel fu alzato di una decina di punti e diciamo che ci poteva stare, perchè alla fine si tratta di una discreta conversione che con qualche accorgimento in più poteva diventare valida. Ma non ci lamentiamo più di tanto visto che i programmatori della Tiertex già avevano rovinato dei miti come 1943 o Rolling Thunder. Il coin-op all'epoca me lo sono giocato e devo dire che questo porting lo ricorda abbastanza, sopratutto sui fondali che possiedono una buona varietà e dettaglio, non altrettanto si può dire dei nemici che boss a parte risultano semplificati sia nella quantità che nella qualità. Nel arcade ogni livello ha nemici nuovi, qui si incontrano gli stessi dei primi livelli per tutto il gioco (la versione Amstrad possiede più varietà),considerando che c'è il multiload non è una bella cosa, visto che Led Storm in un singolo caricamento ne offriva di più. Per quanto riguarda il gameplay c'è da evidenziare la possibilità di giocare in doppio, cosa non di poco conto. La frenesia però non raggiunge i livelli dell originale perchè i nemici su schermo sono in numero minore (niente nutrite formazioni da distruggere nei livelli spaziali), inoltre i fondali sono meno animati (assenti le lingue di fuoco oppure le mattonelle scivolose). I livelli ci sono tutti purtroppo manca il commento sonoro durante il gioco, gli effetti sonori comunque sono da preistoria del C 64. Vista la carenza di buoni verticali e il gameplay che prova a differenziarsi dalla massa con 2 sezioni ben distinte, diciamo che Last Duel si può considerare un discreto esempio del genere su 64."
- Scritto da shippo76
Ult. Commento Art.
C64 & Pirateria #00: Introduzione
"Molte di quelle riviste con cassetta contenevano anche recensioni di giochi "ufficiali" e altri articoli; ho scoperto (magari lo sapevate già, ma non mi pare che se ne parli in questo sito) che alcune di queste recensioni sono traduzioni più o ..."
- Scritto da Kirie e Leison
Ospitato su