Donazioni

Negli ultimi anni Ready64 è stato costruito con cassette e riviste tratte dalla mia raccolta personale e da quelle dei visitatori. Purtroppo però una parte considerevole di materiale è ancora presente viene finisce in collezioni private che non vengono condivise ma solo messe in vendita.
Il ricavato delle donazioni sarà quindi reinvestito per espandere il sito e servirà a mantenere i costi necessari per il mantenimento dello stesso (hosting, dominio).

Si accettano anche donazioni di materiale originale italiano (riviste, cassette o hardware, utilizzato per le conversioni), previo contatto tramite l'apposito form.

Tutte le risorse acquisite verranno (come sempre) rese pubbliche in formato digitale.

Roberto


Grazie a:

  • Raffox - 21 Marzo 2009
  • Robert (Robert) - 30 Marzo 2009
  • Eregil - 1 Aprile 2009
  • Doyle - 13 Maggio 2009
  • Maria - 28 Dicembre 2009
  • Saver71 - 30 Dicembre 2009
  • Paolo Nicoletti - 26 Giugno 2010
  • Michelangelo Costanzo - 18 Settembre 2010
  • Ruben Natalizia - 1 Ottobre 2010
  • Andy/AEG - 4 Gennaio 2011
  • Michelangelo Costanzo - 12 Aprile 2011
  • Elder0010 - 25 Luglio 2011
  • Michelangelo Costanzo - 15 Gennaio 2012
  • Roberto Ferro - Febbraio 2014
  • Michelangelo Costanzo - Aprile 2015
  • Mattia Spagnuolo - Ottobre 2016
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Katakis
"La diatriba Katakis vs Armalyte è sempre esistita, e anche da piccolino (Armalyte però lo conoscevo col nome Campi Stellari su una cassetta scrausa) ne "discutevo" simpaticamente con i miei amici. Oggi da adulto retrogamers, dopo averli rigiocati e finiti nuovamente entrambi, la mia opinione onestamente resta la medesima, e cioè che Katakis è superiore ad Armalyte poiché più accessibile e giocabile. Se da un lato di puro sblastamento Armalyte è superiore a Katakis per via di uno schermo più vasto e più possibilità di dinamicità e di spostamento, è pur vero che quest'ultimo è quasi impossibile da portare a termine. Katakis, diversamente, ci viene incontro attraverso un sistema di armi studiato a pennello, che non abbandona il videogiocatore proprio quando ne ha più bisogno e ci regala una vita extra per ogni livello superato, basta questo? Tecnicamente, poi, Armalyte si può solo sognare il parallasse multistrato di Katakis, la sua varietà degli ambienti, i colori e la musica (e che musica) in game. Sì, ok, Katakis è pieno di bug, le collisioni sono pessime e i boss di fine livello sono solo un pretesto scenografico da sborone, ma cacchio è bello affrontarli e,soprattutto,è DIVERTENTE!La voglia di proseguire è sempre lì che ci fa cliccare sul pulsante fire per ricominciare una nuova partita, consapevoli che riusciremo ad arrivare più in la dell'ultima appena finita. Entrambi titoli da giocare e gustarsi in pieno e nel pieno rispetto dello stile retrò, ma Katakis è un'altra cosa punto!"
- Scritto da Amy-Mor
Ult. Commento Art.
Intervista ad Antony Hager e Paul Docherty
"Intervista da pelle d'oca e molto interessante!Non immaginavo minimamente che dietro la fase di guida di VENDETTA ci fosse la mano "DriftEsperta"di Butler, dopo eoni si scoprono cose e si comprende meglio il perchè di tale qualità.GRAZIE ..."
- Scritto da Amy-Mor
Ospitato su