Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Dust Hanter V: Ultimo Atto gioco italiano!
Editore Edisoft Musica (Nessuno)
Copyright Arscom Titlescreen Hans Piu
Serie Next Strategy, 05 Genere Avventura Testuale, Grafica
Anno 1985 Recensione Leggi (1)
Sviluppatore Arscom Download Gioco (271 click)
Codice Hans Piu Extras Soluzione
Grafica Hans Piu Link Esterni GB64, CSDb*, Sfodb*.
Loggati o Registrati
per votare.
Il tuo voto:
N/A
Voto Totale:
5.5 (2 voti)
Commenti
Commenta gioco Ci sono 4 commenti per questo gioco! Registrati se vuoi lasciarne uno.
Voto:
5
@Aemilus: nel commento precedente ho provato a spiegare il mio approccio alla recensione e più in generale verso queste avventure, non volevo certo bullarmi di aver fatto o "questo o quello". Sarebbe fuori luogo e comunque non giustificherebbe eventuali giudizi sbagliati da parte mia. C'è da dire che "Ultimo Atto" resta un caso particolarmente sfortunato in mezzo a tutti gli altri perchè afflitto anche da un bug e quindi era davvero difficile salvarlo in sede di giudizio. Per quanto riguarda la qualità generale dell'intera produzione, che qualcosa dovesse essere migliorato era stato anche pubblicamente ammesso dagli stessi autori nel corso di un'intervista. Va poi tenuto in considerazione il pubblico cui queste avventure si rivolgevano e sicuramente per i più giovani o meno smaliziati erano certamente godibili, tanto da rappresentare per loro un momento da ricordare.
Profilo di Roberto sul Forum - postato da Roberto (132) - 22-11-2010 [14:30]
Voto:
6
@Roberto: il lavoro che fai è straordinario, ci mancherebbe altro, e in tutto si comprende il rispetto e la volontà di documentazione storica. Volevo solo spiegare, da testimone diretto, che il successo che ebbero all'epoca e il buon ricordo che i giochi Arscom lasciano ancora oggi negli appassionati non sono ascrivibili al solo effetto "nostalgia". La caccia al verbo ora è inammissibile, trent'anni fa - volenti o nolenti - faceva parte del gioco, tanto che il parser della Infocom era il vero vantaggio tecnologico della casa e ci fu grande scalpore quando la Magnetic Scrolls riuscì ad eguagliarlo con The Pawn. Però nei paesi anglosassoni anche le avventure di Scott Adams o della Datasoft, che non erano poi molto al di sopra di quelle della Arscom dal punto di vista dell'intelligenza artificiale, erano vendutissime e avevano grande successo. Roberto Tabacco e Hans Piu (che purtroppo da una veloce Google Search risulta scomparso, mentre nulla si sa del primo), creavano prodotti sicuramente imperfetti, ma che ebbero un impatto unico sulla comunità di appassionati. Grazie a loro, dunque, ma grazie anche a voi che ne preservate il lavoro e la memoria.
Profilo di Aemilius sul Forum - postato da Aemilius (30) - 22-11-2010 [13:43]
Voto:
5
@Aemilius: Ritengo che la massima forma di rispetto verso questi lavori consista nel preservarli, catalogarli e studiarli. Trovare il bug e fixarlo, redarre la soluzione, oltre ad effettuare il dump, è un'operazione che richiede tempo e dedizione, tuttavia si fa con la consapevolezza di stare salvando un pezzettino di storia. Non è tacendo gli errori tecnici, insomma, che si rende giustizia ad un'opera. D'altro canto so perfettamente che fare una valutazione senza tenere conto del periodo storico sarebbe un errore, quindi sono stato attento a non commetterlo. Ben venga in ogni caso il tuo punto di vista che aggiunge un'altro parere utile per farsi un'idea più chiara a questo proposito. C'è poi il fattore soggettività: a qualcuno la caccia al verbo può piacere mentre ad altri no. Sono gusti personali ed in quanto tali non criticabili. Da segnalare sicuramente le maestose copertine di Paolo Rui, ben distanti dalla media riscontrabile generalmente.
Profilo di Roberto sul Forum - postato da Roberto (132) - 22-11-2010 [02:23]
Voto:
6
Non voglio difendere a oltranza giochi che dal punto di vista tecnico mostrano, oggi, tutti i loro limiti, né fare il nostalgico a oltranza. Provo a spiegare perché questi videogame, ebbero, all'epoca, un buon successo. Innanzi tutto non esistevano, praticamente, giochi in italiano e l'inglese spesso non era un'opzione praticabile, a meno di lunghissime sessioni di dizionario. Il fatto che ci fosse una parte di ragionamento, e che il sistema di input fosse la tastiera, li rendeva meno "stupidi" agli occhi dei genitori. Si ricordi che eravamo all'aba dell'home computing e, anzi, ricordo con piacere di avere giocato parecchie di queste avventure insieme a mia madre. Pare assurdo ma la "caccia al verbo", in realtà, era parte del divertimento di "battere" il computer. L'effetto, straniante, è un po' quello che ha documentato J.J.Abrams nella famosa scena di Lost in cui i vari personaggi si trovano a dover inserire una sequenza di numeri in un terminale per non fare finire il mondo. In realtà già il fatto che il computer "capisse" alcuni comandi e facesse progredire la storia poteva essere considerata fantascienza per i canoni dell'epoca... Le riviste che accompagnavano i giochi, in genere, erano la parte migliore dell'esperienza utente. Le storie, per quanto pesantemente ispirate alla cultura pop dell'epoca (Dust Hanter è un ricalco delle atmosfere di Blade Runner, Jack Byteson è un clone di Indiana Jones, Il Segreto della Fenice richiama D&D e così via) proprio per questo erano accattivanti agli occhi di un adolescente. Come non apprezzare l'erotismo delle illustrazioni aerografate? Era la pulp fiction dell'era digitale, insomma. Letteratura popolare sconclusionata, scollacciata e con l'irresistibile fascino della serialità. Arte? Forse no, e chissà se ci sarà mai un Quentin Tarantino a conferire dignità al tutto. Ma quanto basta, credo, per ricordare gli autori di questi giochi come pionieri e innovatori. Addio Hans Piu, e grazie.
Profilo di Aemilius sul Forum - postato da Aemilius (30) - 19-11-2010 [14:04]
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Last Duel
"Un paio di mesi dopo la discussa review (76%..) del bel Led Storm di Software Creations, arrivò sulle pagine di Zzap (maggio 89) questo Last Duel, conversione di un altro coin-op Capcom che aveva in comune con il primo non solo parte del' impostazione ma anche l'anno di uscita in sala giochi (1988). Rispetto all'edizione inglese il voto di Last Duel fu alzato di una decina di punti e diciamo che ci poteva stare, perchè alla fine si tratta di una discreta conversione che con qualche accorgimento in più poteva diventare valida. Ma non ci lamentiamo più di tanto visto che i programmatori della Tiertex già avevano rovinato dei miti come 1943 o Rolling Thunder. Il coin-op all'epoca me lo sono giocato e devo dire che questo porting lo ricorda abbastanza, sopratutto sui fondali che possiedono una buona varietà e dettaglio, non altrettanto si può dire dei nemici che boss a parte risultano semplificati sia nella quantità che nella qualità. Nel arcade ogni livello ha nemici nuovi, qui si incontrano gli stessi dei primi livelli per tutto il gioco (la versione Amstrad possiede più varietà),considerando che c'è il multiload non è una bella cosa, visto che Led Storm in un singolo caricamento ne offriva di più. Per quanto riguarda il gameplay c'è da evidenziare la possibilità di giocare in doppio, cosa non di poco conto. La frenesia però non raggiunge i livelli dell originale perchè i nemici su schermo sono in numero minore (niente nutrite formazioni da distruggere nei livelli spaziali), inoltre i fondali sono meno animati (assenti le lingue di fuoco oppure le mattonelle scivolose). I livelli ci sono tutti purtroppo manca il commento sonoro durante il gioco, gli effetti sonori comunque sono da preistoria del C 64. Vista la carenza di buoni verticali e il gameplay che prova a differenziarsi dalla massa con 2 sezioni ben distinte, diciamo che Last Duel si può considerare un discreto esempio del genere su 64."
- Scritto da shippo76
Ult. Commento Art.
C64 & Pirateria #00: Introduzione
"Molte di quelle riviste con cassetta contenevano anche recensioni di giochi "ufficiali" e altri articoli; ho scoperto (magari lo sapevate già, ma non mi pare che se ne parli in questo sito) che alcune di queste recensioni sono traduzioni più o ..."
- Scritto da Kirie e Leison
Ospitato su