Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Project Firestart
Editore Electronic Arts Musica Alan McKean
Copyright Dynamix Titlescreen -
Serie - Genere Avventura, Joystick
Anno 1989 Recensione -
Sviluppatore - Download -
Codice Darek Lukaszuk, Paul Bowman, Richard Rayl Jr. Extras -
Grafica Darek Lukaszuk, John Burton Link Esterni Lemon64, GB64, CSDb*, Sfodb*.
Loggati o Registrati
per votare.
Il tuo voto:
N/A
Voto Totale:
9.05 (19 voti)
Commenti
Commenta gioco Ci sono 11 commenti per questo gioco! Registrati se vuoi lasciarne uno.
Voto:
10
Project Firestart è stata una vera sorpresa! E' la dimostrazione vivente che i gameplay solidi e le belle storie non hanno età. Tecnicamente, ci troviamo di fronte ad uno dei giochi che sfrutta al meglio l'hardware del C64, sia a livello grafico che sonoro, ma i veri punti di forza del titolo in questione sono la giocabilità e soprattutto la rigiocabilità, quest'ultima, vero punto debole di ogni videogioco. Infatti, per godervi il finale completo e migliore, avrete quasi certamente bisogno di giocarlo più volte, perchè difficilmente riuscirete a scoprire tutto al primo tentativo. Altra nota di merito del titolo è che nell'avventura, si respira una atmosfera particolare, si percepisce quasi di essere avvolti dal "vuoto" dello spazio profondo, e si sente uno stato di tensione costante che aggiunge tantissimo al gioco. Come poi non rimanere allibiti, di fronte alle tante chicche di cui il titolo è infarcito. Mi riferisco ad esempio al modo di uccidere la supercreatura! Le armi da sole non vi basteranno, dovrete usare il cervello e fare tesoro di quello che leggerete nei vari computers, che troverete in alcune delle tante stanze che dovrete esplorare, dai quali inoltre, apprenderete particolari importanti della trama e vi spiegheranno da cosa tutto ha avuto inizio. Una perla rara, che val la pena di essere giocata e conservata nel cuore di ogni vodeogiocatore. Passo e chiudo
Profilo di Gianni sul Forum - postato da Gianni (1) - 13-12-2015 [13:55]
Voto:
10
Il titolo "moderno" che piu' si avvicina a Project Firestart e' sicuramente Dead Space.. peccato che non esista una versione in italiano di PF...
Profilo di yuri sul Forum - postato da yuri (1) - 31-01-2012 [14:26]
Voto:
8
Eccolo qui, un altro capolavoro. Ricordo la prima volta che lo vidi, a casa di un amico... già dalla presentazione, rimasi come un ebete a bocca aperta. Credo onestamente che ci potrebbero rifare un gran bel remake, al giorno d'oggi, in cui troppo spesso si sente la mancanza di spessore narrativo e di atmosfera!
Profilo di Samoht sul Forum - postato da Samoht (71) - 12-04-2010 [07:29]
Voto:
8
Inquietante e silenzioso, atmosfera a mille. Coinvolgente ancor più se si è appassionati di horror o fantascientifici.. Personalmente lo sono, bene...tutto vero, tutto giusto. Ma non posso dimenticare che Project Firestart era anche *lento*, sensazione acuita oggi. Speravo che i corridoi labirintici durassero a lungo per non imbattermi in ogni porta che significava 7-10 secondi di attesa. Ma a quanto pare il 95% degli utenti sorvola su questo.. E Project Firestart è divenuto uno dei migliori titoli per 64 in assoluto.
Profilo di riviero sul Forum - postato da riviero (404) - 23-09-2008 [07:08]
Voto:
9
Cio' che rende questo gioco seminale e' il fatto di ricreare un'esperienza davvero cinematica senza essere un'accozzaglia di mini giochi tenuti insieme in qualche modo piu' o meno improbabile.Al contrario c'e' una perfetta coesione tra azione ed avventura,ed i finali multipli sono la ciliegina su una torta che di suo e' saporitissima.Inoltre e' da ricordare che questo gioco usci' esclusivamente sul C64.Direi che dovremmo andare fieri di cio'...
Profilo di AggRoger sul Forum - postato da AggRoger (401) - 25-07-2008 [14:17]
Voto:
9
Un videogioco che sembrava un film! In pratica è tutto quello che avrebbe dovuto essere Alien! Devo dire che la mappa era un pò troppo caotica e si moriva spesso, ma a parte questo l'atmosfera era incredibile!
Profilo di tyuan sul Forum - postato da tyuan (163) - 27-08-2007 [15:07]
Voto:
10
L'ho ripreso dopo anni, e mi ha fatto ancora un'ottima impressione. L'atmosfera è sempre stupenda, il taglio cinematografico grandioso e l'assenza di musiche da quel tocco di angoscia che altri titoli non riuscivano (e riescono tutt'ora) a dare. Se non sbaglio ne fu fatta pure una conversione 3D non molto tempo fa.
Profilo di JL20196 sul Forum - postato da JL20196 (45) - 15-06-2007 [06:23]
Voto:
N/D
Semplicemente agghiacciante : questo gioco provoca la suspence che la conversione di Aliens non e' mai riuscita a trasmettere. Un capolavoro!
Profilo di Tyrant sul Forum - postato da Tyrant (97) - 24-04-2006 [05:57]
Voto:
N/D
C'è chi indica in Alone in the Dark il primo Survial Horror della storia. E invece, bisogna andare un po' piu' indietro nel tempo, fino a Project Firestart. Straordinario.
@ - postato da Cezy - 05-03-2006 [07:52]
Voto:
N/D
Un survival horror ante litteram, se non nel gameplay, nel concept che stà dietro a una delle migliori avventure dinamiche di stampo cinematografico che il Commodore 64 abbia mai conosciuto. Un must!
@ - postato da Ghost_7 - 08-08-2004 [06:43]
Voto:
N/D
A mio giudizio il migliore risultato di dare ad un gioco del Commodore 64 uno stile cinematografico. Da giocarlo assolutamente ......
@ - postato da The Overkiller /HF - 26-12-2003 [14:32]
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Katakis
"La diatriba Katakis vs Armalyte è sempre esistita, e anche da piccolino (Armalyte però lo conoscevo col nome Campi Stellari su una cassetta scrausa) ne "discutevo" simpaticamente con i miei amici. Oggi da adulto retrogamers, dopo averli rigiocati e finiti nuovamente entrambi, la mia opinione onestamente resta la medesima, e cioè che Katakis è superiore ad Armalyte poiché più accessibile e giocabile. Se da un lato di puro sblastamento Armalyte è superiore a Katakis per via di uno schermo più vasto e più possibilità di dinamicità e di spostamento, è pur vero che quest'ultimo è quasi impossibile da portare a termine. Katakis, diversamente, ci viene incontro attraverso un sistema di armi studiato a pennello, che non abbandona il videogiocatore proprio quando ne ha più bisogno e ci regala una vita extra per ogni livello superato, basta questo? Tecnicamente, poi, Armalyte si può solo sognare il parallasse multistrato di Katakis, la sua varietà degli ambienti, i colori e la musica (e che musica) in game. Sì, ok, Katakis è pieno di bug, le collisioni sono pessime e i boss di fine livello sono solo un pretesto scenografico da sborone, ma cacchio è bello affrontarli e,soprattutto,è DIVERTENTE!La voglia di proseguire è sempre lì che ci fa cliccare sul pulsante fire per ricominciare una nuova partita, consapevoli che riusciremo ad arrivare più in la dell'ultima appena finita. Entrambi titoli da giocare e gustarsi in pieno e nel pieno rispetto dello stile retrò, ma Katakis è un'altra cosa punto!"
- Scritto da Amy-Mor
Ult. Commento Art.
Intervista ad Antony Hager e Paul Docherty
"Intervista da pelle d'oca e molto interessante!Non immaginavo minimamente che dietro la fase di guida di VENDETTA ci fosse la mano "DriftEsperta"di Butler, dopo eoni si scoprono cose e si comprende meglio il perchè di tale qualità.GRAZIE ..."
- Scritto da Amy-Mor
Ospitato su