Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Flying Shark
Editore Firebird Musica Jim Evans
Copyright Taito Titlescreen Paul Docherty (Dokk)
Serie - Genere Coin-op, Sparatutto, Verticale
Anno 1987 Recensione -
Sviluppatore Catalyst Coders Download -
Codice Andrew Parton Extras -
Grafica - Link Esterni Lemon64, GB64, CSDb*, Sfodb*.
Loggati o Registrati
per votare.
Il tuo voto:
N/A
Voto Totale:
5.67 (3 voti)
Commenti
Commenta gioco Ci sono 2 commenti per questo gioco! Registrati se vuoi lasciarne uno.
Voto:
7
All'epoca spesi un discreto quantitativo di monete nel coin-op di Flying Shark anche se vista la difficoltà (avevo 11/12 anni) preferii dedicarmi al più facile e duraturo 1943. Quindi attendevo la conversione che arrivò da parte della Firebird se non erro nel dicembre del 1987. Zzap gli dette un voto di 63% sulle riviste inglesi la media era più alta .CU 7, C+Vg 7, Ace 735, Tgm 74%. Diciamo che a parte la valutazione un po' bassa di Zzap itaper il resto ci siamo con i voti e questa conversione si può considerare più che discreta. Graficamente abbiamo fondali discretamente dettagliati, con un mare addirittura animato quando nel coin-op era piatto. Il paesaggio perde parecchio del dettaglio dell'originale ma alla fine i livelli sono riconoscibili,peccato per la poca interattivita, inatti le installazioni non esplodono facendo vedere il contenuto. I nemici ci sono quasi tutti, manca il boss finale vale a dire l'enorme aereo. Gli aerei avversari potevano essere un po' più definiti, al pari di quelli terrestri. Come giocabilità rispetto al coin-op perde ed è meno giocaile , questo perchè lo schermo non è verticale quindi l'area di gioco è più ristretta e si ha meno tempo per evitare i proiettili avversari. Aggungete poi che inspiegabilmente qualche proiettile va al doppio del normale e qualcuno si confondo nel mare animatoe otterrete un gameplay a tratti frustrante. I 5 livelli ci sono tutti, la difficoltà viste le pecche del gameplay è più alta del coin-op, fortunatamente si può ripartire dall'inizio del livello raggiunto con abbondanti vite e bombe. Buono il sonoro che riprende quello del coin-op a differenza della versione Usa (sonoro di Tim Follin che stavolta non mi piace ). Peccato per il finale mancante (nemmeno una scritta)mail coin-op aveva loop infiniti (come questa versione) All'epoca mi è piaciuta questa conversione anche se naturalmente si poteva fare parecchio di più.
Profilo di shippo76 sul Forum - postato da shippo76 (52) - 13-03-2016 [14:05]
Voto:
N/D
Parecchio deludente! Direi che il coin-op è tutta un'altra cosa! E la versione fm-towns è ancora migliore... (audio cd)
Profilo di Wolf sul Forum - postato da Wolf (91) - 09-06-2007 [09:13]
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Last Duel
"Un paio di mesi dopo la discussa review (76%..) del bel Led Storm di Software Creations, arrivò sulle pagine di Zzap (maggio 89) questo Last Duel, conversione di un altro coin-op Capcom che aveva in comune con il primo non solo parte del' impostazione ma anche l'anno di uscita in sala giochi (1988). Rispetto all'edizione inglese il voto di Last Duel fu alzato di una decina di punti e diciamo che ci poteva stare, perchè alla fine si tratta di una discreta conversione che con qualche accorgimento in più poteva diventare valida. Ma non ci lamentiamo più di tanto visto che i programmatori della Tiertex già avevano rovinato dei miti come 1943 o Rolling Thunder. Il coin-op all'epoca me lo sono giocato e devo dire che questo porting lo ricorda abbastanza, sopratutto sui fondali che possiedono una buona varietà e dettaglio, non altrettanto si può dire dei nemici che boss a parte risultano semplificati sia nella quantità che nella qualità. Nel arcade ogni livello ha nemici nuovi, qui si incontrano gli stessi dei primi livelli per tutto il gioco (la versione Amstrad possiede più varietà),considerando che c'è il multiload non è una bella cosa, visto che Led Storm in un singolo caricamento ne offriva di più. Per quanto riguarda il gameplay c'è da evidenziare la possibilità di giocare in doppio, cosa non di poco conto. La frenesia però non raggiunge i livelli dell originale perchè i nemici su schermo sono in numero minore (niente nutrite formazioni da distruggere nei livelli spaziali), inoltre i fondali sono meno animati (assenti le lingue di fuoco oppure le mattonelle scivolose). I livelli ci sono tutti purtroppo manca il commento sonoro durante il gioco, gli effetti sonori comunque sono da preistoria del C 64. Vista la carenza di buoni verticali e il gameplay che prova a differenziarsi dalla massa con 2 sezioni ben distinte, diciamo che Last Duel si può considerare un discreto esempio del genere su 64."
- Scritto da shippo76
Ult. Commento Art.
C64 & Pirateria #00: Introduzione
"Molte di quelle riviste con cassetta contenevano anche recensioni di giochi "ufficiali" e altri articoli; ho scoperto (magari lo sapevate già, ma non mi pare che se ne parli in questo sito) che alcune di queste recensioni sono traduzioni più o ..."
- Scritto da Kirie e Leison
Ospitato su