Manuale di Golf Master
Copertina di Golf Master ScreenshotGolf Master
INTRODUZIONE

Lo scopo del golf e' di mandare una pallina in una buca posta a 100-550 metri
di distanza con meno colpi possibile. Un campo da golf, di solito, consiste di
18 buche.

Il percorso semplice e' l'area falciata tra l'avvio e la buca. L'area con
l'erba lunga, ai bordi del percorso, e' conosciuta come "il ruvido" dove e'
difficile manovrare la pallina.

La parte rasata al termine del percorso, dove e' posta la buca, si chiama
"il verde" ed e' curato specialmente per il putting.

Oltre agli ostacoli naturali (alberi, cespugli), sul percorso vi sono anche
degli ostacoli artificiali (laghetti, fosse).

Il par e' il numero di colpi che occorrono per mandare la pallina in buca. Il
valore del par va da da tre a cinque, a seconda della distanza della buca.

Il giocatore puo' utilizzare fino a 14 tipi di mazze diverse, di cui una deve
essere un putter da usarsi sul verde. Per i tiri lunghi, si usano sia ferri
che legni

Il giocatore inizia giocando ogni buca dal punto di avvio, e dopo il primo
tiro, la pallina va giocata da dove e' caduta. Se la pallina va persa, si deve
rigiocare dal punto in cui era stata tirata. In questo caso, viene aggiunto
un tiro di penalizzazione al punteggio del giocatore.

Il percorso (18 buche) si intende giocato con il minimo numero di tiri, e il
giocatore che realizza il minor numero di tiri risulta il vincitore.

CARICAMENTO

Inizio del Gioco
La videata menu ti offre la scelta di cinque opzioni Usa il Joystick per
muovere il cursore sulla tua scella e premi, quindi, il bottone di fuoco.
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Last Duel
"Un paio di mesi dopo la discussa review (76%..) del bel Led Storm di Software Creations, arrivò sulle pagine di Zzap (maggio 89) questo Last Duel, conversione di un altro coin-op Capcom che aveva in comune con il primo non solo parte del' impostazione ma anche l'anno di uscita in sala giochi (1988). Rispetto all'edizione inglese il voto di Last Duel fu alzato di una decina di punti e diciamo che ci poteva stare, perchè alla fine si tratta di una discreta conversione che con qualche accorgimento in più poteva diventare valida. Ma non ci lamentiamo più di tanto visto che i programmatori della Tiertex già avevano rovinato dei miti come 1943 o Rolling Thunder. Il coin-op all'epoca me lo sono giocato e devo dire che questo porting lo ricorda abbastanza, sopratutto sui fondali che possiedono una buona varietà e dettaglio, non altrettanto si può dire dei nemici che boss a parte risultano semplificati sia nella quantità che nella qualità. Nel arcade ogni livello ha nemici nuovi, qui si incontrano gli stessi dei primi livelli per tutto il gioco (la versione Amstrad possiede più varietà),considerando che c'è il multiload non è una bella cosa, visto che Led Storm in un singolo caricamento ne offriva di più. Per quanto riguarda il gameplay c'è da evidenziare la possibilità di giocare in doppio, cosa non di poco conto. La frenesia però non raggiunge i livelli dell originale perchè i nemici su schermo sono in numero minore (niente nutrite formazioni da distruggere nei livelli spaziali), inoltre i fondali sono meno animati (assenti le lingue di fuoco oppure le mattonelle scivolose). I livelli ci sono tutti purtroppo manca il commento sonoro durante il gioco, gli effetti sonori comunque sono da preistoria del C 64. Vista la carenza di buoni verticali e il gameplay che prova a differenziarsi dalla massa con 2 sezioni ben distinte, diciamo che Last Duel si può considerare un discreto esempio del genere su 64."
- Scritto da shippo76
Ult. Commento Art.
C64 & Pirateria #00: Introduzione
"Molte di quelle riviste con cassetta contenevano anche recensioni di giochi "ufficiali" e altri articoli; ho scoperto (magari lo sapevate già, ma non mi pare che se ne parli in questo sito) che alcune di queste recensioni sono traduzioni più o ..."
- Scritto da Kirie e Leison
Ospitato su