Commenti rilasciati da eregil
Iscritto dal 03-07-2004
Gioco PreferitoImpossible Mission
Commenti 46
Voti 150
Destroyer
06-08-2015 ore 14:15
Siete nei panni del comandante di una nave in missione di guerra. Digitando codici di due lettere (che dovete conoscere) avete modo di spostarvi all'interno della nave, e quindi operare dal ponte di comando - dal quale potete chiamare a rapporto i vostri ufficiali, stabilire la rotta, far scattare il proverbiale "tutti ai posti di combattimento, non è un'esercitazione" - o visitare personalmente le varie sale e i posti di combattimento, nel qual caso come giocatore dovrete manovrare personalmente gli apparati. Il tipo di missione, insieme al livello di difficoltà, è stabilito all'inizio della partita: dare la caccia a dei sommergibili, forzare un blocco nemico, scortare un convoglio o altro ancora. Sarebbe un buon gioco di simulazione (persino la versione PC CGA rendeva bene), ma in questa conversione per C64 si risente di un eccessivo allungamento dei tempi di caricamento: potete quasi fare una pausa caffè ogni volta che cambiate schermata. Inoltre, sarà una mia impressione, ma mi pare che nella versione PC si venisse supportati meglio dalla ciurma. Con questa versione, anziché tentare di avere un'esperienza immersiva, tanto vale che digitiate AB e lasciate sommergere la nave. Peccato.
Zoid
17-05-2015 ore 00:32
Forse non tutti sanno che (come esordisce una rubrica di una nota rivista): "Zoid", da non confondersi col quasi omonimo "Zoids", è un giochino del 1983, in parte derivato da Asteroids, ma ambientato in un'area di gioco chiusa e in cui i gravi assumono traiettorie non inerziali, a tratti convergendo verso la navicella del giocatore. Si nota inoltre la presenza di ominidi da raccogliere con la propria navicella, non si capisce bene perché dato che sono di fatto invulnerabili (salvo sparire da soli dopo un po', non si sa se per asfissia o per noia), comunque devono essere raccolti per passare il livello e anche perché aumentano l'energia a disposizione. La navicella si sposta col joystick in porta 1 e si fa ruotare con i tasti "F" e "H", oggi non è tanto male ma, per i tre possessori di joystick originale Commodore poteva costituire un problema... forse. O forse no. In effetti, portando la navicella all'estremità destra dell'area di gioco, accade che gli altri oggetti sullo schermo non la raggiungano più, rimbalzando appena più a sinistra. Niente male come bug a vantaggio del giocatore. Ma oggi sono in vena di generosità, non mi va di stroncare questo gioco tutto sommato godibile e simpatico, complice anche l'accenno di musica di Bach. Strano ma vero.
Zeta-7
05-04-2015 ore 23:47
Come fanno notare su Lemon, estremamente simile a Neutral Zone (anzi aggiungo che alcuni elementi grafici sono di fatto identici; sarebbe interessante svolgere un'analisi completa). Migliora sensibilmente la presentazione del gioco, anche se si potrebbe obiettare che la sequenza iniziale poco abbia a che fare con le modalità di gioco effettive; di contro, cosa di non poco conto, sfiora la soglia dell'ingiocabilità a causa del ritmo molto più frenetico e del comportamento erratico degli avversari. All'atto pratico lo scopo del gioco diventa quello di sopravvivere più a lungo, e non di distruggere il nemico.
Final Fight
04-03-2015 ore 21:48
"Quando Haggar diventò sindaco di Metro City, pensava che non ci sarebbero più di lutta di strada. Purtroppo no! Sua figlia Jessica è stata rapita e adesso Haggar deve affrontare la lutta finale!" Ci piace ricordarlo così. LINK Anche perché, come già osservato, soffre di una cattiva conversione sotto diversi aspetti, problema peraltro comune a molti picchiaduro concepiti per l'arcade.
Juice!
06-02-2015 ore 01:07
Ennesima variante di Q*Bert, J-Bird e compagnia cantante, si distingue dalla massa con le diverse mappe e modalità di gioco. Buona realizzazione, sonoro semplice ed efficace, carina l'idea dei tracciati sulla mappa e in particolare il bonus round a fine livello. A mio parere però non è coinvolgente quanto il classico a cui si rifà, proprio a causa della minor semplicità... e dell'antipatia suscitata da alcuni colli di bottiglia su certe mappe.
Chess Game, The
15-12-2014 ore 22:15
Mi sento di premiare questo gioco per la simpatia e l'originalità dell'idea alla sua base, nonostante queste superino di gran lunga la giocabilità e longevità del gioco stesso. Impersonate uno scacchista che (forse frustrato dalla sua incapacità di battere il C64 o qualche suo amico più bravo di lui) gli scacchi se li sogna di notte, ma in modo del tutto particolare. Abbigliato di pigiamino celeste da antologia, nel suo sogno deve attraversare più volte la scacchiera da una parte all'altra, schivando bombe lanciate contro di lui, evitando che i vari pezzi (cavallo, alfiere, torre, re e regina) lo "mangino" ed evitando altresì di passare sulle caselle rosse, che compaiono in modalità differenti, secondo il pezzo presente sulla scacchiera. Il numero di viaggi corrisponde al numero di pedoni in possesso dello scacchista (visibili in basso a sinistra sullo schermo), e ogni attraversamento riuscito dal basso verso l'alto dello schermo consente di conservare un pedone per il livello successivo, tenendo conto della necessità di tornare indietro ogni volta per ritentare e conservare il pedone successivo. Il grande scacchista del '700 François-André Danican Philidor affermava che "i pedoni sono l'anima degli scacchi". In questo caso, rappresentano le vite del nostro personaggio, quindi in effetti si potrebbe congetturare che questi abbia fatto proprio il motto di Philidor.
Bug Squad
02-11-2013 ore 14:15
Versione di Centipede a mio avviso non molto ben riuscita, ma che si distingue per la simpatica animazione relativa alla perdita di una vita, che ritrae lo spruzzatore che vola al cielo con un paio d'ali spuntate all'uopo. :)
Stealth
05-01-2013 ore 05:05
Qualche chiarimento sul gioco rispetto ai commenti precedenti. La torre si vede sempre in lontananza, tuttavia quando l'indicatore della distanza segna 0 è possibile sparare alla torre, la quale viene distrutta con un certo numero di colpi. Quindi avviene il passaggio al livello successivo, caratterizzato dalla presenza di più numerosi e agguerriti nemici. I livelli sono cinque, poi il gioco termina. Naturalmente occorre dirigersi sempre grosso modo verso la torre, altrimenti non si arriverà mai alla distanza di tiro. Un'altra cosa da tenere presente è che attraversando i campi di energia positiva è opportuno rallentare per raccogliere un maggior quantitativo di energia.
Oils Well
12-11-2011 ore 13:08
Dissento nella maniera più assoluta con tutti coloro che assimilano o accomunano questo gioco a Pacman. Questo gioco è una metafora della vita. Ogni strato rappresenta un livello differente di profondità della propria vita e una categoria differente di bisogni. Il primo strato sono i bisogni fondamentali, mangiare e bere. Il secondo strato rappresenta il bisogno di sicurezza e di un rifugio. Si prosegue con le relazioni sociali, indi con la realizzazione di sé e dei propri obiettivi, secondo livelli crescenti di importanza. Le persone senza aspirazioni vivono occupandosi solo dei primi strati, ma in questo gioco si vince solamente visitando tutti gli strati: allo stesso modo avere successo nella vita significa realizzare le proprie ambizioni e non limitarsi a sopravvivere mangiando e bevendo. In questo gioco si muore perché si trascura una minaccia ai primi strati mentre ci si occupa di quelli più in profondità; allo stesso modo nella vita è sempre necessario continuare a occuparsi dei propri bisogni fondamentali e sociali anche quando si sta lavorando sodo per realizzarsi, e un errore che comprometta le proprie relazioni sociali (per non parlare di quelli che compromettono la nostra capacità di procurarci di che vivere) può far crollare l'intero sistema di aspirazioni e impedirci di realizzarci. Giocare a Oil's Well mi ha insegnato molto più di quanto non mi abbia insegnato giocare a Pacman. Questo è il gioco che avrebbe dovuto essere clonato e giocato fino ai giorni nostri, altro che Pacman. Ho detto.
Run For Gold
26-07-2011 ore 01:46
Tutto sommato è un titolo ben curato, ma è proprio sbagliato come concetto di gioco. Non è poi tanto divertente gestire le energie spese in pista da un atleta durante una gara. Purtroppo è mal realizzato proprio uno degli aspetti più importanti del gioco, e cioè la partenza. Si ha come l'impressione che il tempo di reazione del nostro atleta sia duplice, ossia al nostro tempo di reazione (premiamo il pulsante quando sentiamo lo start) si somma un tempo di reazione dell'atleta alla nostra pressione del pulsante, infatti regolarmente il nostro atleta parte dopo gli altri se noi aspettiamo lo start. Cosicché le possibilità di successo nei 400 (e anche negli 800) dipendono esclusivamente dal riuscire a indovinare il momento esatto in cui lo starter darà il via e anticiparlo, ma non tanto da essere squalificati per falsa partenza. Leggermente meglio i 1500 dove la gestione delle energie e il posizionamento dell'atleta diventano più importanti, ma lì delude la cattiva percezione globale della corsa, e resta un gioco noioso per via della durata della gara.
Serpentine
11-07-2011 ore 12:13
Si ottiene una vita extra se, deposto un uovo, si riesce a completare lo schema senza che questo venga mangiato dai serpenti nemici o dalla rana (e attenzione perché questa può fare in tempo a mangiarlo durante il vostro ritorno nel nido). Forse solo Nethack contiene perle migliori di questa. :)
Battle Through Time
10-07-2011 ore 03:35
Ottimo gioco che però perde qualche punto per la realizzazione. A parte qualche glitch grafico, non si può sorvolare sullo sparo che più di una volta ogni tanto attraversa il nemico di turno, all'incremento nelle abilità del giocatore deve corrispondere il raggiungimento di risultati migliori in maniera sistematica e non aleatoria. La successione dei livelli è molto azzeccata, il secondo livello è una rielaborazione del primo, in cui la difficoltà è accentuata anche grazie alla minore evidenza dei pericoli (in particolare, la bomba è più difficile a vedersi e soprattutto non fa più il suo sibilo); seguono livelli che sono nuovamente da apprendere da zero e di difficoltà effettivamente crescente, al giusto ritmo. Sarebbe stata carina una funzione per rigiocare "per divertimento" i livelli già superati, come in Snokie.
Survivor
26-12-2010 ore 14:11
Niente di che dal punto di vista audiovisivo, ma semplice ed efficace - e comunque non è esattamente la solita sbobba, grazie allo scrolling multidirezionale. Gli si possono muovere alcune critiche, come l'esistenza di una sola mappa (non sarebbe stato male poter giocare su un'altra dopo aver completato la prima) e la necessità, almeno in talune parti, di movimenti precisi al pixel, con tutto ciò che ne consegue. Per esempio, probabilmente è più facile giocarci su emulatore col tastierino numerico, che con un vero joystick. Altra conseguenza è che si perdono vite con troppa facilità. Di contro, se ne guadagnano due ogni volta che si completa una sezione, e le sezioni si possono affrontare in qualsiasi ordine, perciò un'attenta scelta della sequenza può far sì che si riesca ad arrivare alle parti più difficili del gioco con un buon bagaglio di vite "di riserva". A chi deve ancora giocarci per la prima volta, un suggerimento: la sezione accanto alla quale il gioco inizia non è la più facile, perciò girovagate un po' prima. Penso che valga la pena di completare la mappa di Survivor almeno una volta nella vita. Al di là delle pecche è un gioco che può essere avvincente.
IQ
01-12-2010 ore 11:15
Solo apparentemente questo gioco è l'ennesimo del genere "conquista lo schermo". La differenza cruciale è che le unità presenti sulla griglia non sono pilotate mossa per mossa dai giocatori, ma sono dei "sistemi esperti", ossia delle entità capaci di apprendere degli schemi di comportamento, e quindi di replicarli quando attorno ad esse si ripresenta una situazione simile a quando è stato loro fornito l'input. Occorre qualche partita per familiarizzare con questo concetto, dopodiché si riesce a capire come addestrare al meglio la propria unità, talvolta anche non affrettandosi a conquistare una locazione. Una breve spiegazione della configurazione della partita: NEW indica un'unità addestrata da un giocatore, che all'inizio della partita non possiede alcuno schema comportamentale. SAME indica un'unità addestrata da un giocatore, che ricorda gli schemi delle precedenti partite. AUTO indica un'unità addestrata dal C64. WILD indica un'unità, non controllata da alcun giocatore, che quando si trova in una situazione nuova assume un comportamento casuale. Buon divertimento e godetevi gli effetti sonori.
Space Doubt
28-11-2010 ore 12:10
Buona grafica e musica, ma troppe pecche di giocabilità. La mappa è enorme, impossibile da pattugliare efficacemente, e per di più il passaggio fra le due metà di una stanza con variazione dell'inquadratura è decisamente anti-intuitivo, e porta facilmente a confusione. A causa di ciò, la necessità di percorrere, a volte, numerose stanze per prelevare una nuova fiamma ossidrica (o cosa diamine è) ogni volta che la si usa per riparare una falla nello scafo (cioè ogni due per tre) può dar luogo a qualche arrabbiatura più del necessario. Infine, questo è uno dei giochi affetti dal problema per cui ad un maggior numero di elementi in movimento sullo schermo corrisponde un rallentamento delle reazioni del personaggio, con le conseguenze del caso sulla pazienza del giocatore. Peccato, l'idea era buona.
Speed King
15-11-2010 ore 11:54
Gioco di motociclismo strettamente arcade, a molti è piaciuto, a me personalmente no. Beninteso, Speed King ha diversi lati positivi. Immagino che, mettendoci un po' di impegno, si possa diventare bravi, e allora ci si possa divertire; ma se devo impegnarmi a diventare bravo in un gioco di corse preferisco la simulazione all'arcade. L'arcade mi sta bene per le partite occasionali. E di Speed King non gradisco l'impostazione: si parte molto più lenti degli avversari, li si deve riacciuffare, e quando li si raggiunge, si scopre che sono immancabilmente tutti raggruppati, quasi a fare gioco di squadra in diciannove contro il giocatore, rendendo i sorpassi il più difficili possibile allo scopo di causarne la caduta (loro, non cadono mai) e determinare la necessità di ricominciare da capo, dalla fase di inseguimento. No, per quel che mi riguarda, decisamente non ci siamo. Come giochi di corsa arcade, c'è di meglio in giro.
Mr. Robot and his Robot Factory
14-11-2010 ore 13:45
Godibile platform con elementi arcade e puzzle game. Brilla soprattutto grazie alla varietà nel level design, decisamente maggiore di quanto a prima vista ci si potrebbe aspettare, date le limitazioni tecniche. Devo confessare che avrei preferito assistere alla nascita di un paio di set di livelli per Mr. Robot, piuttosto che a quella di innumerevoli cloni di Boulderdash che infestano la grande rete. Sarebbe stato però chiedere troppo; evidentemente i livelli compresi rappresentano già quanto di meglio si poteva fare. Imparare le distanze per i salti, il tempismo, la sequenza corretta in cui visitare le parti delle stanze; sembra semplice, eppure la formula funziona, il gioco diverte. Qualche elemento di gioco in più, qualche funzione in più per l'editor, e sarebbe stato un capolavoro.
Pile-up!
10-10-2010 ore 14:26
Oggi vi faccio dono di mezz'ora di vita, ossia il tempo che avreste impiegato a capire quanto segue da soli. Il gioco Pile-Up! consiste nel prelevare le biglie del colore richiesto e portarle al centro di raccolta in alto a sinistra... Ok, facile... sembra. Si cambia subito idea appena si provano i controlli, a dir poco frustranti (c'è pure un soffitto?!), e ci si rende conto delle ostilità presenti nell'ambiente: le collisioni col pavimento marrone fanno perdere energia in maniera repentina. Sì, avete visto giusto dagli screenshot, questo significa quasi dappertutto. Ora che sapete tutto questo, potete impiegare proficuamente una vostra mezz'ora; io la mia ormai l'ho persa, e non mi resta che prenderla con filosofia. Non occorre ringraziarmi. Alla prossima.
Threshold
28-02-2010 ore 11:16
Giochillo divertente, ma se i nemici possono scomparire da un lato e ricomparire dall'altro, esigo che possa farlo anche la mia navicella. ;P
Quartet
22-02-2010 ore 13:11
Pessima, veramente pessima conversione di un arcade game. Mentre si può scusare la perdita di dettaglio e di varietà rispetto ad altre versioni, non si può sorvolare su difetti quali il lentissimo scroll e i movimenti goffi dei personaggi rispetto ai nemici, causa di continua frustrazione giacché diventa troppo spesso impossibile evitare delle collisioni. Si salva la musica, purtroppo martoriata dal modo in cui una delle voci suona alternativamente con gli effetti sonori. In altre parole, un implicito invito a lanciare il gioco, stare fermi, non sparare, e ascoltare. Oggi si può fare ricorso ai file sid.
Sentinel
21-02-2010 ore 08:32
Capolavoro assoluto: la profondità di questo gioco è sorprendente. Portate il vostro incrociatore spaziale nei vari settori circostanti il vostro pianeta, allo scopo di eliminare l'invasore alieno. I movimenti all'interno del settore sono simulati in 3d in maniera molto convincente. Gestite accuratamente le vostre risorse; sono simulati anche i danni riportati dal vostro mezzo, che può perdere di efficienza man mano che viene colpito dal fuoco nemico. Le forze aliene sono ben organizzate e tre tipi differenti di unità daranno una caccia spietata ai loro tre obiettivi distinti: voi, il pianeta e le vostre astronavi madri dove effettuate riparazioni e rifornimenti. Cercate di non lasciare sguarniti i settori cruciali, o potreste ritrovarvi senza di esse, e il vostro destino sarebbe segnato. Non richiede solo abilità e nervi saldi ma anche strategia; anzi, diverse strategie secondo i livelli di difficoltà. Preparatevi a una vera sfida se deciderete di affrontare i livelli più elevati.
Metabolis
20-02-2010 ore 12:42
Interpretazione a mio avviso mediocre del genere labirinto/puzzle game. La premessa è abbastanza semplice, la regione è passata sotto il controllo di mostriciattoli che hanno mutato in un uccello il protagonista, che per di più ha una malattia al cuore... scopo del gioco dunque è trovare l'antidoto che ritrasformerà il nostro personaggio in un uomo, quindi incontrare un mago (anche lui nascosto chissà dove) che è capace di curare la malattia del protagonista... e poi...? far esplodere un reattore nucleare?! Cosa?!?! Vabbe', riprendere il controllo della regione è fuori discussione dunque. Non parliamo poi di un fatto curioso, nella prima parte del gioco si impersona un uccello e si vola... ok... poi ci si trasforma in un essere umano e il gioco... continua nello stesso modo? Cos'è, si diventa l'uomo che vola, o viene repentinamente scambiata l'altitudine con una coordinata sul suolo? Mah. Decisamente questo gioco poteva essere abbigliato un po' meglio.
Cosmic Convoy
16-12-2008 ore 08:02
Tanto per chiarire, io trovo l'effetto "claustrofobia" insopportabile *nonostante* la presenza della mappa, perché oltre alla visuale troppo stretta, c'è il problema delle tue astronavi troppo vicine al bordo quando ti sposti. Che sia voluto o no poco importa, rende il gioco una chiavica. Faccio il paragone con Quartet, per chi ci ha giocato. In Quartet lo scroll è troppo lento rispetto alla velocità di spostamento dei personaggi, cosicché, quando ti sposti da una zona all'altra della mappa, arrivato vicino al bordo dello schermo devi aspettare che lo scroll ti segua prima di proseguire. In Quartet, questo è un fastidio pesante ma intermittente; in Cosmic Convoy c'è grosso modo lo stesso problema (causato dalla visuale stretta più che dallo scroll), ma si presenta continuativamente. Certamente erano altri tempi e altre tecniche di programmazione, ma visto che ci sono giochi della stessa epoca e privi di questi problemi, non la considero una scusa valida.
Cosmic Convoy
14-12-2008 ore 13:28
Ho sempre trovato Cosmic Convoy completamente ingiocabile a causa dell'insufficiente ampiezza della visuale (o dell'eccesso di zoom, secondo come volete definirlo). A dispetto del fatto di essere un gioco ambientato nello spazio, fa venire la claustrofobia.
Gyropod
22-11-2008 ore 12:49
Finalmente, un gioco in cui invece di difendere la Terra si attaccano gli altri pianeti, per di più depredandoli per fare scorta di munizioni, che si useranno per abbattere i loro velivoli. Questo sparatutto è da principio è più interessante della media, grazie alla necessità di gestire le proprie risorse, e alla simulazione dei danni alla struttura portante del proprio veicolo. Perde però fascino rapidamente, a causa della sua ripetitività e della evidente impossibilità di gestire efficientemente le proprie risorse come sarebbe richiesto (es. non esistono riparazioni). Poco longevo, ma comunque ottimo per qualche minuto di divertimento di tanto in tanto.
FireTrap
16-09-2008 ore 12:24
Questo gioco ha un concept molto bello, ma i controlli potrebbero essere più precisi. Inoltre, se notate certi particolari, ha degli aspetti inquietanti: il grattacielo è - senza apparente ragione - pieno zeppo di scritte "SALE" (saldi) e "BUY" (compra!); si ottengono 300 punti salvando un cane o una persona indifferentemente, e 1000 punti raccogliendo i sacchi di denaro. La vita di una persona vale quanto quella di un animale, ed entrambe valgono meno del denaro? Anche un'operazione di salvataggio non si fa se non ci sono sponsor? Ma soprattutto, tutto questo è un attacco alla moralità dei vigili del fuoco... o persuasione occulta?
Go for the Gold!
28-05-2008 ore 13:52
La cassetta di Go For The Gold esisteva, la si può trovare nel GB64 e su LINK però rispetto alla versione disco non includeva la funzione per salvare i record, per ovvie ragioni.
Blue Max
09-02-2008 ore 15:37
Ci gioco ancora con una certa regolarità, in quanto è uno di quei titoli semplici, divertenti, che non hanno un adeguato sostituto tra i giochi degli ultimi anni. Una curiosità personale: all'epoca del C64 ricordo distintamente che io e mio fratello raggiungevamo con una certa frequenza punteggi superiori a 10000 (e occasionalmente a 20000), mentre oggi questo mi càpita molto di rado, anche finendo il gioco. Evidentemente all'epoca giocavamo in modo diverso, tale da ritardare maggiormente lo stage finale. Secondo quanto ho letto, la maggiore o minore velocità nel raggiungerlo dipende da quanti obiettivi "primari" (lampeggianti) si distruggono, però il gioco mi prende troppo perché riesca a fare la controprova...
Rags to Riches
22-12-2007 ore 13:47
Di questo gioco esisteva una versione da edicola chiamata "Il Vagabondo" (non ricordo però serie e numero), con la mappa corrotta; faceva crash andando in alcuni posti con la metropolitana e c'erano delle zone "vuote" (sfondo uniforme) in alcuni quartieri dove, ugualmente, cercare di entrare produceva un crash. Un titolo emblematico delle cassette da edicola. Riguardo al fatto del 1.000.000 di dollari per "finire" il gioco, per capire basta leggere la schermata "Game Objectives" di cui trovate lo screenshot in questa scheda, nel momento in cui scrivo. Si legge: "Scoring - Earn $1,000,000 in least number of days." Che significa? NON che il gioco finisce a un milione, ma che, mancando un "punteggio" di tipo classico, per confrontare - ad es. tra amici - chi stia giocando meglio, si suggerisce di vedere chi raggiunge la cifra di 1.000.000$ nel minor numero di giorni. Così, invece di chiedersi "quanti punti fai a Rags to Riches?" ci si dovrebbe chiedere: "in quanti giorni fai 1.000.000$?"
Ball-Blasta
21-12-2007 ore 10:25
A mio avviso una delle migliori interpretazioni del genere breakout. Purtroppo soffre della mancanza di supporto per il mouse e presenta qualche bug di minore entità; ma è molto affascinante l'idea di esplorare la mappa, partita dopo partita, fino ad individuare i power-up più adatti per ogni schermata, e imparare quindi a gestire i crediti per avere sempre davanti una sfida accettabile. Ciò fa di Ball-Blasta un gioco dalla longevità eccezionale per il suo genere. Ottima la musica, come ha già detto rainstorm. Anche la grafica è di alto livello; l'eccessivo scrolling di alcuni sfondi può risultare fastidioso per alcuni e sicuramente rappresenta una difficoltà in più, ma anche soltanto il dettaglio nelle animazioni dei mattoni che scompaiono è un vero tocco di classe.
Loco
16-12-2007 ore 08:43
Ha un certo qual fascino, l'idea è simpatica, ma a conti fatti è poco giocabile; costringe a tenere sott'occhio troppi punti dello schermo ed è impossibile sorvegliarli contemporaneamente. L'arrivo improvviso del carrello sorprende molto spesso (quando càpita su uno scambio poi può essere impossibile da evitare). È inoltre essenziale una scelta attenta del percorso, per non finire il carburante, e ciò talora contrasta con l'obiettivo di evitare le collisioni. Perciò l'ho sempre considerato un gioco in cui la fortuna conta parecchio. Si può raccogliere la sfida di completare un livello o due, ma dopo averla portata a termine una volta, si ha poca voglia di riprovarci.
3-D Skramble
28-07-2007 ore 06:16
Il concept di Skramble era divertente in 2D e doveva rimanere 2D. Per esempio gli sciami di meteore non rappresentano alcuna difficoltà particolare se ci si può spostare lungo due assi. La tridimensionalità di questo titolo poi lascia molto a desiderare, come è già stato fatto notare le strettoie sono renderizzate in maniera tale che non si capisce intuitivamente come ci si deve muovere per passarci e quindi la giocabilità ne risente. Il commento di Andrea paragona questo gioco a Zaxxon ma siamo su due livelli diversi, è evidente che Zaxxon è molto ben riuscito perché progettato sin dall'inizio per il 3D, qui invece abbiamo concept da gioco 2D applicati in un ambiente 3D e il risultato è molto, molto, molto deludente.
Last V8, The
05-07-2007 ore 15:21
L'unico gioco di guida con visuale dall'alto che mi abbia un pochino affascinato... ma per la sola ragione che mi piace molto la musica, quindi lanciavo il gioco per sentirla. E bravo Rob Hubbard.
Ugh!
20-05-2007 ore 12:30
Dal concept tanto semplice quanto efficace, è uno dei tanti giochi che si possono portare ad esempio di quanto sia cambiato il panorama videoludico negli ultimi 25 anni. Pur senza essere un capolavoro, ha tutto quello che occorre per essere divertente e longevo. Può sembrare infatti che sia soltanto questione di rapidità e di fortuna, ma poi vi accorgete che non è così... ed è allora che iniziate a rimanere incollati a questo gioco... ;) Peccato per qualche difetto tecnico nella realizzazione (ad es. una volta selezionato il joystick come controllo è impossibile tornare alla tastiera - abbastanza fastidioso dal mio punto di vista perché mi trovo meglio con la tastiera). Ho detto.
Municipality Mysterious, The (Il Municipio Misterioso)
04-05-2007 ore 13:50
Questo gioco occupa 35 KB, se considerate che The Fabulous Wanda ne occupa meno di 13 è evidente che la bilancia pesa a favore del titolo nostrano. Fine discussione.
Kong Strikes Back!
27-04-2007 ore 14:24
Molto molto caruccio e divertente, ma dovete avere il tempo e la costanza necessari per imparare a scegliere bene i tempi, anche imparando alcuni passi "a memoria". Col c64 vero ero diventato piuttosto bravo ma rigiocandoci sul VICE a distanza di tempo... ehm... comunque se devo trovare un difetto, direi che l'audio era martellante, la colonna sonora orecchiabile ma troppo monotona. Niente che interferisca con la godibilità dell'aspetto più prettamente ludico.
Space Talisman
29-08-2006 ore 15:26
Io penso che, più probabilmente, sia successo l'esatto contrario: che cioè S.R. Southern abbia realizzato prima questo gioco amatoriale, e successivamente rifinito il codice, le animazioni, la mappa e quant'altro realizzando Hero of the Golden Talisman per la Mastertronic. Mi sembra più logico che la funzione tipo "automap" (in basso a sinistra) sia stata aggiunta in seguito, piuttosto che rimossa per fare un secondo gioco, e anche l'animazione del nuoto è decisamente fatta meglio in Hero of the Golden Talisman. Infine, la mappa e i puzzle di HotGT sono più complicati. Un altro appunto: questo gioco non ha titolo. E` stato chiamato "Space Talisman" in via non ufficiale per via della somiglianza proprio con HotGT e perché ambientato nello spazio (il labirinto è sotto la crosta lunare); altrove (per mano mia, avendo in passato supposto che fosse corretto il titolo con cui uscì in Italia su Radio Elettronica & Computer) lo si trova come "Labyrinth" di S.R.Southern.
Zig Zag
19-08-2006 ore 17:20
Strano gioco, che ho sempre trovato affascinante perché mescola in maniera interessante elementi da arcade e da puzzle game; gioco la cui sfida, tuttavia, non sono mai riuscito a intraprendere seriamente. A dire il vero, i controlli sono un po' frustranti e si rende necessario imparare a reagire rapidamente e meccanicamente a certi eventi (la comparsa di nemici che si posizionano apposta in rotta di collisione). Anche la mappa è molto vasta sin dall'inizio, senza una vera zona preliminare in cui imparare le basi del gioco, utili per risolvere i puzzle più complicati nel seguito, come accade in altri titoli. In definitiva non saprei dire con esattezza perché questo gioco mi piaccia ma non mi tenga incollato allo schermo. Forse è veramente troppo repentino il passaggio dall'attenzione sulla mappa all'attenzione sui nemici. Viene da chiedersi... ma se voglio sparare perché non prendo uno sparatutto? Se voglio trovare la via d'uscita perché non prendo un labirinto? Chissà...
Henry's House
02-06-2006 ore 13:24
giuoco sensazionale! ricordo che l'ottava (e ultima) stanza era terribile, non sono riuscito a passarla finché non ci ho giocato con l'emulatore! (e con qualche vita "extra" *grin*)
Hopeless
29-12-2005 ore 06:16
Bellissimo... chi non ha mai desiderato un jetpack per volare da un computer all'altro nello spazio sconfinato? :) In questo gioco, avete 15 vite a disposizione per scovare e disattivare 15 terminali raffiguranti un cuore pulsante sullo schermo... come? Sono tante 15 vite? Aspettate di conoscere le trappole cui andate incontro! Mostriciattoli che vi tolgono energia, altri letali al tocco, puzzle da risolvere (dov'era il terminale per aprire questa porta? acc! da tutt'altra parte!), e come se non bastasse, *finti* terminali col cuore, indistinguibili a vista da quelli veri... vabbe', se proprio siete in difficoltà, cercatevi la mappa su solutions.c64.org. Ah, e fate attenzione all'esistenza di crack di questo gioco con la mappa corrotta, impossibili da terminare. Fidatevi di Remember! ;)
Rogue Trooper
28-12-2005 ore 14:21
Forse era un po' troppo ambizioso come progetto, questo Rogue Trooper. Giochi disegnati in (pseudo) 3D isometrico per il C64 non mancavano, su due piedi mi viene in mente solo Greyfell ma so che ce ne sono stati altri. Ma un gioco d'azione? Un personaggio di troppo sullo schermo e l'hardware del C64 arrancava. Peccato, perché le premesse per un giocone c'erano tutte (oh, magari là fuori c'è chi l'ha trovato eccezionale a scapito della scattosità). Mi ricordo i tre simpatici teschietti che ti aggiornavano sulla situazione, ciascuno con la propria indole... mitici, nel loro piccolo! Naturalmente lo scopo del gioco era elaborato, non semplicemente uccidere a destra e a manca ma anche completare una missione che consisteva nel recuperare dei videotape e riportarli a casa. Al cospetto, certi sparatutto di oggi impallidiscono! Ah, be'. Comunque, nel complesso, un gioco da provare almeno una volta.
Buck Rogers: Planet of Zoom
18-08-2005 ore 13:19
Uno dei giochi che ha segnato la mia infanzia! Semplice e avvincente, peccato che càpiti qualche collisione "inspiegabile" di troppo. Non ho mai capito in base a quale logica sia più importante passare attraverso le porte (ti dà 500 punti) che abbattere i nemici (200-300 punti), sarà stato un velato invito alla non-violenza? :)
Dropzone
09-06-2005 ore 13:47
Gioco stile Defender ma più curato graficamente e con qualche particolare in più a renderlo interessante, come il cloaking (da utilizzare con parsimonia perché di durata limitata) e il modo diverso in cui i nemici attaccano e distruggono quelle unità blu (curiosamente chiamate "men") da proteggere e portare in salvo, mescolando ad esse delle unità simili ma di colore rosso. Personalmente trovo che sia un po' troppo più difficile rispetto al classico cui fa richiamo e che... diciamolo, resta inaffondabile.
Pooyan
09-06-2005 ore 13:36
Bel gioco graficamente, e concettualmente uno strano mix di amore per gli animali e crudeltà nel far stramazzare al suolo i loro predatori, facendo scoppiare i palloncini che fanno loro da paracadute. Le frecce normali viaggiano in linea retta (non molto realistico, ma è un videogioco o no?) mentre i proiettili speciali, che possono colpire più bersagli per volta, seguono una curva a parabola, e con essi bisogna colpire direttamente i predatori. Si rende necessario quindi sviluppare una certa abilità nel mirare in due modi diversi e nel gestire come risorse i proiettili speciali, quando disponibili (sempre rigorosamente uno per volta). Il livello di difficoltà aumenta progressivamente ma non in maniera talmente improvvisa da farvi desistere subito. Insomma, questo gioco non vi farà annoiare, garantito.
Montezuma's Revenge
06-06-2005 ore 10:39
Quando avevo il C64 vero ancora funzionante ci giocavo per ore!! Gran bel platform, concettualmente semplice ma dalla mappa molto elaborata. Molto longevo anche grazie al fatto che l'aumento del livello di difficoltà non avviene (come in molti giochi) soltanto rendendo più numerosi i nemici, bensì vengono anche cambiati particolari della mappa rendendo necessario esplorare nuovamente la piramide... almeno la prima volta che si gioca ad ogni livello, s'intende. Confrontate con Aztec Challenge, lì già la Phase 2 è assurda, non fa a giocarci, qui invece ogni livello è realmente più interessante del precedente! A partire dal livello 5 poi diventa molto bastardo perché i nemici che ti uccidono non vengono più eliminati per facilitarti il proseguimento nelle vite successive, e allora cominciano i dolori!
Decathlon
23-08-2004 ore 09:11
Dopo averci rotto alcuni joystick, iniziai a giocarci con... una trackball! ;) E fu un'ottima idea, la trackball non si è mai spaccata, e per di più si ottenevano prestazioni superiori! :D
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Pit, The
"Sarò scarso anche io come Tyrant, ma è davvero fastidioso che per imboccare una galleria bisogna spaccare il pixel, altrimenti l'omino si pianta lì o si mette a allargare la galleria di un pixel. Un gioco che venne giustamente surclassato dal contemporaneo Dig Dug, tanto in sala giochi quanto sul C64"
- Scritto da Kirie e Leison
Ult. Commento Art.
Alieni, piccioni e palline da golf (parte 2)
"Articolo fantastico! Finalmente sono riuscito ad avere un'idea più chiara di come possano essere contenuti i video nel piccolo spazio offerto dal C64! Grazie davvero per divulgare le tue conoscenze - e il tuo lavoro è davvero notevole! "
- Scritto da MarC-ello
Ospitato su