Commenti rilasciati da Andy/AEG
Iscritto dal 11-12-2008
Gioco PreferitoElite
Commenti 30
Voti 1355
Pitfall II: Lost Caverns
20-05-2013 ore 23:54
@thomn: la versione C64 non è una conversione dell'arcade, anzi casomai è il contrario: infatti Pitfall II uscì nel tardo 1983 (1984 su C64), l'arcade invece, uscito nel 1985, acquisisce sia elementi di Pitfall che di Pitfall II (oltre ad aggiungerne di nuovi, ad es. il livello dove si scorrazza sui carrelli.. questo è un omaggio credo a Indiana Jones e il tempio maledetto). Detto ciò, aggiungo il mio apporto: io faccio parte di quelle persone che ebbero la fortuna di poterlo apprezzare alla sua uscita, ed effettivamente all'epoca questo titolo dava molto spazio all'immaginazione, ricordo rimasi sorpreso dall'estensione dell'area di gioco e affascinato sia dalla caratterizzazione avventurosa del gameplay che dalla musica, anch'essa con quel che di epico. Certo rivisto oggettivamente, pur se contestualizzato storicamente, non credo meriti più di 7, però come detto mi fece così sognare che si merita appieno il voto "honoris causa" che gli ho dato tempo fa.
Squish 'em
11-03-2011 ore 08:56
Simpatica reinterpretazione di Crazy Climber da parte di Tony Ngo. Un early game ben studiato, la curva di difficoltà è crescente e ben calibrata, anche se i primi livelli sono effettivamente troppo facili. Nei livelli successivi va invece attuata una vera e propria strategia di avanzamento, poichè i mostriciattoli risorgono più velocemente -e non potete rischiacciarli-, vi seguono e vi bloccano le uscite, mentre gli oggetti cadono dall'alto sempre più spesso. La ripetitiva musichetta ha un che di ipnotizzante, forse è proprio quella che ti spinge ad arrivare all'ultimo piano per gettarti col paracadute e farla terminare così per qualche secondo. Gli avversari hanno le forme più assurde, a parte alcuni riconducibili a dei fantasmi e a dei polipi (con molta fantasia), per gli altri ti chiedi come Tony possa aver pensato a delle forme simili. Un gioco che in un ipotetica top 10 dei giochi dell'anno 1983 entrerebbe probabilmente in classifica.
Fred
03-02-2011 ore 12:28
Dopo averci giocato per molto tempo sullo spectrum di un mio amico, eccolo approdare su C64. Tristezza: ecco l'unica parola che mi viene in mente. Potevano farne un piccolo capolavoro ovviando all'unico limite che aveva sullo speccy (lo scrolling) e invece se ne sono usciti con una ciofeca, imparagonabile. Spariti i tortuosi labirinti che dovevi memorizzarti, lasciando spazio a stanze e gradini da percorrere praticamente a casaccio, la caratterizzazione fumettosa dei personaggi (specie delle mummie e dei fantasmi) resa malissimo, sparito il concetto di esplorazione per trovare l'uscita della piramide interrata in alto (qui va trovata una griglia da far saltare con una bomba (sic) e si trova quasi subito) e infine un'incessante musichetta che dopo 1 minuto ti ha snervato all'inverosimile.
Motor Mania
03-02-2011 ore 11:44
Nonostante la grafica rozza e uno scrolling davvero pietoso, questo gioco esercitò -ed esercita tutt'oggi- uno strano magnetismo su di me. Oggettivamente sarebbe appena sufficiente, eppure quando lo iniziavo non mi scollavo più dal joystick.
Oils Well
03-02-2011 ore 11:41
l'evoluzione definitiva di Pacman, a quasi 30 anni dalla sua creazione, rimane un everegreen: assolutamente da provare.
Sailing
30-06-2010 ore 03:40
Confermo quanto detto da Santino, gioco davvero coinvolgente. All'inizio ci capivo poco della dinamica di gioco e optavo subito per una barca molto leggera e filante, che se da una parte mi garantiva velocità (addirittura troppo veloce con vento impetuoso, tanto da mandarmi fuori schermo senza riuscire ad accennare una minima virata), dall'altra mi obbligava a iniziare con largo anticipo il giro di boa. Dopo qualche partita invece si impara a costruire la barca su misura in relazione alle previsioni del tempo, a sfruttare il vento anche se sembra a sfavore e ad utilizzare al meglio lo spinnaker, frullando come dei matti col joystick per alzarlo o ammainarlo a seconda delle necessità (il movimento ricorda un po' quello che realmente si fa in regata). Interessante vedere come in alcuni casi l'avversario che prima sembrava leggermente arrancare poi dopo il primo giro di boa invece ci superi senza sforzo perchè riesce a sfruttare meglio il vento e perchè ha un'imbarcazione piu' azzeccata, e peccato che non ci sia la possibilità di "sbirciarne" il progetto per imparare qualcosa.. anche perche' andando avanti gli avversari si fanno sempre piu' tosti, arrivi a dei punti in cui ti battono per pochi metri. Tutto sommato per aver portato solo un gommone da pochi cavalli non me la cavo malaccio :-)
Deathwish III
01-06-2010 ore 01:17
Nei panni di Paul Kersey (o meglio Charles Bronson, certo lo sprite poteva accennare ad un paio di baffi..) dovrete fare pulizia delle gang che infestano il Bronx. Mi risulta difficile dare un voto a questa trasposizione de "il giustiziere della notte 3": il gameplay in se' diventa noioso dopo poco, perche' alla fine si riduce tutto nel camminare in continuazione fino a che non compare sulla mappa, nelle vostre vicinanze, il capo della gang locale. Oltretutto lo stesso non e' protetto dai suoi scagnozzi in modo particolare, sta fermo immobile in una stanza e farlo fuori e' quanto di più facile ci possa essere. Una volta terminato, via, di nuova alla ricerca di un nuovo boss. I vari personaggi (dove trovate di tutto, da poliziotti a vecchine con borsetta che pestano i punk locali, a prostitute che si tirano su la gonna per pubblicizzarsi un po', oltre che personaggi che definirei becchini e che si danno un gran da fare nel ripulire il casino che seminate strada facendo..) sono discretamente definiti e ben animati, l'area di gioco invece pur se rappresentativa e' ripetitiva, sembra di trovarsi sempre nello stesso posto, se non fosse per la mappa sottostante che ci viene in aiuto negli spostamenti. Ma c'e' un altro fattore, postivo o meno, a seconda dei punti di vista, ed e' quello che nonostante l'azione ripetitiva mi portava sempre a rigiocarlo: e' l'incredibile violenza (per l'epoca) del gioco. Il nostro eroe infatti oltre alla fida 45 Magnum ha a disposizione un fucile a pompa, una mitraglietta e un bazooka con cui potete indifferentemente uccidere poliziotti, vecchine, punk o ladri (le lucciole sono curiosamente immuni). Far sparire un ladro dallo schermo facendolo "rinculare" a colpi di mitraglietta o esplodere un punk con un colpo di bazooka effettivamente ha una sua poesia tutta particolare. A far da cornice al tutto la musica, un masterpiece di Ben Daglish.
Apple Cider Spider
16-03-2010 ore 01:31
La grafica e' lillipuziana e ben definita se si contestualizza storicamente il gioco (1984). Lo scopo è far ricongiungere il ragnetto alla sua famiglia che vive in cima alla fabbrica del sidro. E' facile, e' cortissmo.. eppure mi ritrovo sempre a giocarlo: questo gioco ha un magnetismo tutto suo.
Mr. Heli
02-12-2009 ore 07:21
Il buffo aspetto dell'elicotterino provvisto di piedi e' la prima cosa chi mi ha colpito. La grafica, dettagliata e colorata, riprende lo stile del protagonista, la calibrazione della difficolta' molto buona e l'aspetto giocattoloso un plus in mezzo a tanti shoot'em up dall'aspetto sempre serio. Molto carina e in tema la musica di Deenen/Mon di primo acchito, poi dopo poco si rivela noiosa perchè troppo corta e ripetitiva. Consigliatissimo agli amanti di Cybernoid et similia.
Encounter
26-10-2009 ore 02:34
Concept semplice e accattivante, grafica essenziale ma incredibilmente funzionale, e l'idea di muoversi in uno spazio 3d era resa veramente bene (relativamente all'anno di uscita del gioco). Ricordo bene l'ansia che mi metteva il missile che ti viene addosso con il suo caratteristico rumore, mentre tu indietreggi e cerchi di colpirlo e magari rimani incastrato con la "schiena" contro una colonna..
Chuck Norris
22-10-2009 ore 07:21
Il videogioco di Chuck Norris non è stato digitato da alcuno sviluppatore. Si è autoprogrammato.
Black Tiger
22-10-2009 ore 07:11
Una conversione sprecata. Riprodurre con fedeltà l'arcade e' impossibile, ma qui la conversione e' davvero mediocre. Peccato perche' la giocabilita' non e' malaccio, i bonus nascosti sono stati rispettati.. ma vedere i teschi rotanti completamente abnormi e sgranati, il barbaro che si attacca storto alle colonne e singoli sprite che potevano essere disegnati con piu' cura dà proprio l'idea di un gioco realizzato in fretta e furia. Per me la delusione fu grande, anche perchè ero un fan del gioco in versione arcade, tanto che riuscivo a finirlo con un solo gettone. Peccato.
Kwik Snax
20-10-2009 ore 00:02
Una volta tanto dizzy abbandona il ruolo di protagonista della lunga serie di arcade-adventure a lui dedicata e si tuffa in un gioco prettamente arcade. Questo kwik snax è un perfetto mix fra Flicky (gioco arcade mai convertito per C64) e Pacman. Il risultato finale è un gioco equilibrato , con una grafica apprezzabile anche se non eccelsa (specie nell'accostamento dei colori), una musica semplice ma davvero azzeccata e un gameplay ben studiato. Anche gli intermezzi e i bonus stage aggiungono valore a questa release della Codemaster. Unico appunto è forse la calibrazione della difficoltà: io l'ho trovato un pò troppo facile da finire.
WitchSwitch
03-06-2009 ore 04:21
In questa piccola perla semisconosciuta delle English Sofwtare bisogna salvare il villaggio dall'eruzione di un vulcano. Per far cio' bisogna "convertire" una strega in buona fatina (ecco il perche' di "witch switch"). Il gioco e' formato da schemi differenti fra di loro, tipo Aztec Challenge (per me è un forte plus), il primo e' imho anche il piu' ostico e frustrante. Una volta finito -e non e' difficile- difficilmente sarà rigiocato, però nel frattempo si fa apprezzare. Il fattore tempo viene dato dalla lava che scende dal vulcano e si appresta a invadere il villaggio, visonabile in qualsiasi momento premendo la barra spazio. In definitiva, per essere un early game è realizzato piuttosto bene, molto carina l'ambientazione nella casa della strega. Giusto la scimmia monocromatica dei primi stage poteva essere definita meglio.
Elite
25-02-2009 ore 01:17
Quando la grafica lascia lo spazio al gioco.. un gioco diventato leggenda, nato su BBC e convertito per praticamente tutte le piattaforme esistenti all'epoca (e successive). Come dice LukeZeus l'attracco alle stazioni non e' facilissimo, e il gioco comincia proprio durante una di queste fasi, alla guida della mitica Cobra MK III. Ma leggendo il corposissimo manuale si acquisisce esperienza (e poi con i soldi ci si puo' comprare il sistema di attracco automatico, uno dei migliori investimenti da fare..). Il gioco e' complesso e molto profondo, le galassie da esplorare non sono poche, i pianeti con cui fare trading sono tanti e ognuno con le sue peculiarita' (dittature,confederazioni o pianeti totalmente anarchici dove capita di tutto), i combattimenti si sprecano, le attivita' da intraprendere per aumentare i propri crediti e il proprio status sono varie (si puo' anche diventare cacciatori di taglie cosi' come l'opposto, dandosi alla pirateria). Semplicemente magnifico.
Underwurlde
24-02-2009 ore 07:27
In un PM mi e' stato chiesto come avessi fatto a finirlo, sul newsgroup degli emulatori un redattore di ZZAP scrisse "solo dopo 22 anni ho capito che si poteva usare una fionda"... mi rendo conto che qualcuno puo' aver abbandonato il gioco frustrato perche' troppo difficile: senza armi e' da suicidio e impossibile da finire (non si possono superare i guardiani). Questo e' quindi un invito a leggere le istruzioni: tramite i tasti funzione, tra le altre cose, si possono prendere le armi, utili a far secchi, oltre alle varie creature che vi intralciano lungo il cammino, anche i guardiani di livello. Ogni guardiano puo' essere ucciso da un'unica arma. La fionda e' quel coso rosso che vi trovate accanto all'inizio della partita, le altre (arco, torcia, coltello) le trovate nel labirinto e la loro posizione e' semicasuale (nel senso che il luogo dove si puo' trovare e' una stanza scelta in modo random fra una rosa di 3 o 4 possibili, cosa che aumenta la longevita del gioco).
Viz
02-02-2009 ore 03:26
Trasposizione elettronica del celebre e irriverente comic magazine inglese per adulti, Viz Comic. Mi immagino quanto arduo possa essere stato lo scegliere 3 fra i tantissimi personaggi che animano questa ormai epica pubblicazione. Alla fine hanno vinto due fra i piu' simpatici e di sicura audience (Buster Gonad che monta i suoi megatesticoli nella cariola quando deve superare gli altri) e Johnny Fartpants (con evidenti problemi di meteorismo.. utile però per schizzare in avanti come un jet). Il rissoso Biffa Bacon e' il terzo, incluso probabilmente per motivi storici anche se ne esistono altri ben piu' esilaranti o caratteristici, tipo Billy the Fish. Esiste un quarto personaggio, il videogiornalista Roger Mellie che commenta le gare. Il gioco consiste in corse ad ostacoli alternate a schermate bonus. Imho ben fatto e divertente. Una fantomatica controparte italiana potrebbe essere "Vernacoliere games", con la Nonna Bionica, Budiùlik, Arvaro ì laido, Sgainator e il Pipaluce :)
Alter Ego (Male Version)
31-01-2009 ore 09:31
Gioco nato dalla mente di uno dei piu' famosi ricercatori nel campo della psicologia dell'univesità della California, e' un vero e proprio simulatore di vita, sviluppato in due versioni (maschile e femminile). Interessante il test psicologico introduttivo per delineare il proprio carattere, buffi gli alert che avvertono dell'evento a sfondo sessuale che si sta giocando (paroloni.. e' tutto davvero all'acqua di rose, anche per un teenager). Il gioco e' lungo, ma la possibilita' di salvare viene in aiuto. L'ho giocato e rigiocato e mai sono morto nello stesso modo.. ci sono troppi parametri, comprese variabili random, che rendono quasi impossibile rigiocare un'identica partita. La piu' corta? sono morto ancora prima di nascere. La piu' sconvolgente? essere finito nelle mani di un (presunto) pedofilo.. mai accettare le caramelle dagli sconosciuti. In definitiva lo ritengo un'esperimento riuscitissimo e coinvolgente, e quindi un'esperienza da provare assolutamente.
Warm Up
26-01-2009 ore 08:24
Bella prova di programmazione del poliedrico Ivan. Le possibilita' di personalizzazione dell'auto danno quel tocco in piu' alla longevita', sostenuta anche da 8 diversi circuiti da affrontare. Il dettaglio grafico e' semplice ma efficace, la giocabilita' alta. L'unica "pecca" e' lo strano sistema di controllo dell'auto, ci vuole un minimo di assuefazione perche' cambia a seconda della direzione che si sta seguendo. Ammiccante e orecchiabile la musichetta dei titoli. Ci ho speso non poco tempo su questo titolo..
Sorcery
21-01-2009 ore 03:49
Il mio primo gioco originale comprato con le sudate paghette! Non avevo nemmeno idea di che gioco fosse, ero solo attratto dalla copertina in stile fantasy della cassetta, molto simile alla schermata di Alchemist (bel giochino della Imagine per Spectrum) che avevo apprezzato a casa di un amico. Mi costo' la bellezza di 25mila lire dell'epoca: beh, potevo spenderli molto meglio...
Suicide Express
20-01-2009 ore 01:07
Come non trovare similutidini fra Suicide Express, Loco e Black Thunder? Antony Crowther, a distanza di meno di due anni, pubblica (sotto etichette diverse, Alligata, Gremlin e Quicksilva) ben tre giochi sostanzialmente identici. Mi sono sempre chiesto il senso di Suicide Express (uscito dopo Loco): il gameplay e' proprio lo stesso, le azioni da eseguire pure, la difficolta' anche (forse Loco leggermente piu' facile). Spostandoci sul lato prettamente tecnico, anche dal lato grafico siamo sul solito livello, mentre le musiche di Loco, opera di Daglish, appaiono piu' godibili. Persino la particolare "esplosione" del mezzo e' sostanzialmente simile. L'unica cosa che cambia e' l'ambientazione, sicuramente piu' futuribile di quella presente in Loco. Intendiamoci, non che il gioco in se sia brutto, ma la sensazione di gia' visto e gia' provato e' molto forte. Dopo pochi mesi appare l'identico Black Thunder! Bah.. In ogni caso S.E. e' valido e si lascia giocare.
Underwurlde
19-01-2009 ore 06:56
Sono sempre rimasto affascinato dai giochi della Ultimate della serie Sabreman, nati su Spectrum. Pochi furono convertiti per C64: Underwurlde e' uno di questi. Con una grafica davvero "alla Spectrum", questo gioco e' incredibilmente schizofrenico e le prime volte altamente frustrante. Un buon Grieg in apertura, giusti effetti sonori e una grafica ben definita, ancorche' ripetitiva, danno proprio l'idea di sabreman intrappolato nel gigantesco castello. Ci giocai prima sullo spectrum di un mio amico: colour clash a parte, devo dire che la controparte sinclair e' piu' godibile e leggermente meno difficile. Comunque rimasi talmente affascinato dal gioco che, reperita la versione C64, ne creai una mappa completa, trovando così le tre uscite -gran delusione.. mi aspettavo un finale degno di questo nome-. In tempi piu' recenti ho acquistato l'originale per speccy con la sua bella scatola nera. La terza puntata della saga, il gioiello Knight Lore, non fu mai convertita: peccato.
Caverns Of Khafka
13-01-2009 ore 07:34
Sicuramente piu' conosciuto come L'Idolo D'Oro. lo stile e' il suo, inconfondibile, lo stesso che si ritrova in Forbidden Forest o Aztec Challenge, lo stile di Paul Norman (ma quanto "amo" quest'uomo!). Lo scenario in se e' affascinante, la musica davvero d'atmosfera (ero affascinato da quella introduttiva). Le possibilita' di movimento del personaggio sono tantissime e corrispondono a tutte le combinazioni possibili del joy fra direzioni e tasto premuto o meno. Il rovescio della medaglia? Sta nell'enormita' di bug presenti (a volte ti incastri nelle pareti e non ne esci piu', gemme irrecuperabili in mezzo ai muri, ogni volta che si fa fuoco l'azione si interrompe, montacarichi "cancellato" dalle fiammate, ecc..) e dalla longevita' davvero ridotta. In pochissime partite, imparato qualche trucchetto, si arriva allo stage finale. Nonostante cio' la voglia di rigiocarlo c'e' sempre stata.. l'8 se lo prende anche per il fattore nostalgia, anche se tecnicamente non andrebbe oltre il 7..
Microprose Soccer
31-12-2008 ore 03:22
Gran gioco, meno tecnico di E.H. e piu' votato all'azione arcade. Vero e' che una volta imparati certi trucchetti la vittoria e' assicurata e la longevita' decade, giusto le prime tre migliori squadre danno un po' di filo da torcere. Comunque tecnicamente ineccepibile, l'introduzione del replay con tanto di "effetto riavvolgimento" e' un tocco di classe, cosi' come l'elemento pioggia (anche se il comportamento dei giocatori e' alquanto bizzarro, pare giochino sul ghiaccio quando entrano in scivolata). Il massimo della giocabilita' lo provavo d'estate, quando con gli amici della compagnia giocavamo il mondiale e ognuno si prendeva una squadra (ebbene si, non si e' limitati a soli 2 giocatori ma se ne possono assegnare una quindicina), ricordo le varie sgomitate per accaparrarsi le squadre piu' prestigiose. Quindi cominciava il torneo e a turno o affrontavamo il pc o 1 vs 1, fino alla finale. E che vinca il migliore.
Detective Game, The
30-12-2008 ore 01:17
Fantastico prodotto della Argus. La grafica non e' certo ai massimi livelli, i fondali spesso ripetitivi (anche se molto in tema) ed il sonoro si riduce al calpestìo sul parquet, ai tuoni ed allo sbattere delle porte. Ma chi se ne frega? E' un gioco davvero fuori dagli schemi, con colpi di scena, interazioni con i vari personaggi con tanto di interrogatori -che *vanno* fatti se si vuol finire il gioco senza walkthrough-, passaggi segreti da scovare, tre finali diversi a disposizione. Scoprirete che anche il sonoro e' quanto di piu' adatto ci possa essere, senza noiose melodie in background. Certo una volta terminato con il finale "100%" difficilmente lo rigiocherete, ma fino ad allora sarete affascinati dalla sublime caratterizzazione dei vari personaggi e da tocchi magistrali (il maggiordomo che si imbosca con la cuoca chiudendosi a chiave in camera) e umoristici. Il gioco sembra lento, ma solo se non agite da buon detective e aspettate apaticamente il susseguirsi degli eventi.
Super Scramble Simulator
29-12-2008 ore 01:36
Shaun Southern e' sempre stato un fanatico delle moto da fuoristrada, evidentemente: dopo i due ottimi Kikstart abbiamo questa gemma nascosta. A differenza dei precedenti titoli, e come si evince anche dal nome, qui siamo di fronte piu' ad un simulatore di moto che non ad un gioco prettamente arcade. Gli ambienti sono molto verosimili, la moto -che nonostante l'aspetto da enduro/cross si trova ad affrontare anche percorsi dichiaratamente da Trial- va guidata con molta attenzione, la giusta velocita e la giusta marcia per affrontare dossi, pendenze, serie di tronchi e via dicendo. Il tutto dando un occhio anche alla metà inferiore dello schermo per capire il punto dove affrontare l'ostacolo. I comandi da utilizzare non sono pochi e ci vuole un minimo di training per utilizzarli con dimistichezza, ma sono tutti indispensabili per finire le (molte) piste a disposizione. In definitiva un piacevolissimo titolo dall'alta giocabilità e con una difficoltà ben calibrata.
Out Run (Versione Europea)
29-12-2008 ore 01:12
Conversione, dato il periodo, senza infamia ne' lode. Fosse stata fatta nel periodo '90 o '91 sarebbe stata inaccettabile. Le musiche sono state riarrangiate piuttosto bene, una delle cose che piu' mi dava fastidio era invece l'utilizzo delle bande orizzontali per dare il senso di velocità.. un trucco abbastanza usato all'epoca ma che secondo me dava un senso di posticcio al tutto, quindi le avevo eliminate.
Barbarian: The Ultimate Warrior
23-12-2008 ore 11:44
La Palace e' sempre stata una delle mie favorite software house, perche' i suoi prodotti hanno classe e giocabilita' da vendere, tranne pochissime eccezioni. Qui abbiamo un gioco che e' lo stato dell'arte dei beat'em up, oserei dire il miglior picchiaduro "puro" su C64. Mi piace piu' del suo pur bellissimo successore che trovo sicuramente meno immediato.. Ricordo memorabili scontri in doppio col mio amico di sempre, dove cercavamo di decapitarci in continuazione.. :-) lo spruzzo di sangue e lo storpio che col suo ghigno portava via il corpo dello sconfitto dopo aver scalciato via la testa rappresentavano la classica ciliegina sulla torta.
Forbidden Forest
23-12-2008 ore 03:01
Atmosfera cupa, grafica naif ed essenziale, sprites in formato extralarge, musiche di atmosfera, balletto di fine stage (a dire il vero un tantino lungo).. senza dimenticare l'oppressivo senso di impotenza dell'ultimo quadro quando si cerca di infilzare il boss nel buio piu' totale e un lampo ce lo mostra per un secondo completamente da un'altra parte o lo scheletro che quando ti colpisce continua imperterrito a perforarti con la sua lancia facendoti schizzare continuamente sangue.. Tutto questo si riassume in un vero capolavoro del primo periodo commodore, una delle pietre miliari della Cosmi (i famosi pirati -cit.-).
Hot Rod
22-12-2008 ore 06:32
La giocabilita' risente della mancanza del volante e della pedaliera che permettono di parzializzare il gas e di dare gran "rullate" con lo sterzo: se avete il trireattore o per disgrazia vi trovate con gomme da velocita' sulla neve sull'arcade era l'unico modo per fare curve senza dover mollare troppo gas. A parte questi ovvi limiti hardware e considerando cosa era il mastodontico arcade, la conversione e' ottima, cercando il pelo nell'uovo giusto le collisioni dell'auto non sono spesso accurate e mancano alcuni dettagli (es. il motore posteriore phase 3, i bumpers che appaiono tutti uguali..). In ogni caso tanto di cappello: pure la schermata originale con le hotrod che sfrecciano davanti alla polizia e' stata mantenuta, così come le musiche originali magistralmente reinterpretate dai Maniacs of Noise (ad esclusione di quella dell'intro, originale ed ottimo motivetto). Per me rimane il miglior gioco su C64 di guida con vista a volo d'uccello, degno erede di Sprint.
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Rampage (Versione Europea)
"L'anno prossimo uscirà il film con The Rock, sarà un'americanata, ma il trailer mi ha gasato non poco!!!"
- Scritto da thecoach
Ult. Commento Art.
Alieni, piccioni e palline da golf (parte 2)
"Articolo fantastico! Finalmente sono riuscito ad avere un'idea più chiara di come possano essere contenuti i video nel piccolo spazio offerto dal C64! Grazie davvero per divulgare le tue conoscenze - e il tuo lavoro è davvero notevole! "
- Scritto da MarC-ello
Ospitato su