Commenti rilasciati da ecstaticax
Iscritto dal 17-12-2007
Gioco PreferitoGhostbusters
Commenti 15
Voti 17
Pitfall II: Lost Caverns
23-05-2013 ore 05:36
Intanto bisogna fare un po' di chiarezza. Pitfall I e II nascono entrambi su Atari VCS2600, una console NOTEVOLMENTE inferiore al C64 in termini di risorse hardware. Il programmatore, David Crane, ex dipendente Atari e fondatore dell'Activision, addirittura, utilizzò dei trucchi speciali per riuscire a far stare tutto il secondo capitolo nella cartuccia su Atari. David Crane è un'autentica superstar degli anni '80, dato che successivamente programmò capolavori quali Decathlon (lo sfascia joystick rivale di Summer Games), Ghostbusters e Little Computer People (il papà di The Sims). Per inciso, la saga di Pitfall è stata propedeutica per l'arrivo dei giochi platform come Super Mario e gli elementi ci sono tutti, sebbene Pitfall I e II siano molto più ampi rispetto ai classici platform. La mappa di Pitfall II è enorme, la musica cambia dinamicamente a seconda di quanto succede nel gioco, praticamente non si muore mai ma si torna indieto al checkpoint più vicino (in pratica è un sistema per azzerare la frustrazione tipica dei giochi superdifficili degli anni '80), la giocabilità è molto elevata (più giochi più diventi capace, un po' come capita in H.E.R.O., platform contemporaneo di Pitfall II sempre dell'Activision) e la grafica, tutto sommato, deriva pur sempre da una conversione Atari VCS. Pitfall II è un caposaldo, uno di quei giochi che, rivisti anche a distanza di 30 anni, produrrà sempre divertimento (un po' come Bruce Lee, H.E.R.O. e pochi altri) e va sicuramente annoverato fra quegli evergreen che nessun fan del C64 potrà mai dimenticare. PS: La conversione in sala giochi in realtà era semplicemente un adattamento che ne richiamava la modalità di gioco e la colonna sonora, ma per il resto escludendo nome, musica e stile di gioco era un titolo quasi completamente diverso (personalmente preferisco di gran lunga il gioco da casa).
Master of the Lamps
22-06-2011 ore 07:33
Lo comprai originale, però non mi intrigò e me lo feci cambiare (per prendere Shadowfire, ben altro calibro devo ammettere). Però devo ammettere che se l'avessi tenuto non avrei sbagliato. E' un ottimo gioco e fui un po' frettoloso nel farmelo sostituire.
Commando
16-06-2011 ore 03:53
L'unico vero limite di questa conversione (a prescindere dall'inclusione di soli 3 livelli) era la presenza, nel mercato, di Who Dares Wins, della Alligata, libera reinterpretazione non ufficiale di Commando, più longeva, divertente, curata e completa. Il bello di Commando era rappresentato da una colonna sonora galattica. Per il resto sono concorde nel ritenere il gioco una versione monca dell'originale. Peccato, un'occasione decisamente mancata.
Green Beret
16-06-2011 ore 03:49
La conversione di Green Beret per 64 si tratta di una delle più riuscite dal punto di vista tecnico, con una colonna sonora che sicuramente eccelle anche rispetto al coin-op. nico difetto (e non da poco) è costituito dalla difficoltà veramente esagerata. Salvo essere dei maghi del joystick (oggi si direbbe del joypad :-)) era quasi impossibile arrivare oltre il terzo livello. In ogni caso è un gioco assolutamente da godersi fino al game over :-)
H.E.R.O. - Helicopter Emergency Rescue Operation
16-06-2011 ore 03:47
Probabilmente il più bello, assieme a Pitfall II, nella prima tornata di giochi lanciati da Activision quando aveva l'arcobaleno nel logo. Nel manuale vi era scritto che, una volta arrivati a un milione di punti, vi sarebbe stata una sorpresa: al posto del punteggio apparivano dei punti esclamativi, e il gioco continuava normalmente. E' l'unica macchia per quello che ci può considerare un gioco quasi perfetto simbolo dell'epoca degli 8 bit.
Asylum
11-06-2011 ore 23:36
Ai tempi girava la falsa voce che Asylum, gioco testuale dotato di ottima grafica, non si potesse completare. Lo ricordo, quasi esclusivamente, perchè uno dei personaggi (ritratto anche nelle schermate del gioco ospitate da Ready64), ossia la donna in tuta mimetica con la bomba in mano, è stata utilizzata come copertina di uno dei numeri della mitica rivista Video Giochi by Editoriale Jackson. L'avventura testuale era abbastanza impegnativa ma riscosse un discreto successo, anche grazie alla trama alternativa e alla grafica piuttosto buona.
Aztec Tomb Adventure
11-06-2011 ore 23:31
Una delle prime avventure testuali per C64. Abbastanza piacevole, era dotata di un parser ridicolo, sebbene c'è da sottolineare che fosse completamente programmata in basic. Per cui poteva essere un ottimo spunto per chiunque volesse ispirarsi per avere delle subroutine per i propri giochi testuali :-) Correggetemi se sbaglio, ma credo sia stata l'unica incursione di Tony Crowther all'interno del mondo dell'IF (Knightmare mi pare fosse ad icone). Per il resto il programmatore in questione si è distinto per altri grossi successi per C64, quali Suicide Express e Loco, e successivamente ha collaborato a successi per piattaforme recenti (Battlefield 2, Burnout Paradise).
Psi-Warrior
11-06-2011 ore 23:25
Modesto gioco d'azione, dalla grafica piuttosto povera il cui unico punto a favore era una giocabilità discreta e l'etichetta che l'aveva lanciato (Beyond), già nota per giochi di grossa qualità (quali Spy vs Spy e Shadowfire). Dotato di una confezione originale molto elegante (la stessa di cartone dei giochi sopracitati), non si distingue per nulla in particolare.
Project: Space Station
11-06-2011 ore 23:22
Ho un lontanissimo ricordo di questo gioco. Era su una intera facciata di un floppy, con caricamente piuttosto lunghi. Consisteva nella simulazione totale di una missione spaziale, partendo dalla preparazione della componentistica dello Space Shuttle fino al viaggio nello spazio. Il gioco, ai tempi, mi parve molto complesso e lo lasciai perdere dopo un paio di partite. Probabilmente avrei potuto dargli qualche possibilità in più.
Black Knight
08-06-2011 ore 00:39
Ebbi la fortuna di provarlo solo perchè fu incluso in una delle tante raccolte in edicola. Il gioco, sostanzialmente, non era molto bello sia tecnicamente sia in termini di giocabilità, però godeva di una atmosfera molto particolare, per questo me ne ricordo ancora a distanza di 25 anni. Aveva la peculiarità di avere delle mosse in stile molto laser-game, specie quando si correva a cavallo. Le sequenze giocate alternavano prospettive diverse, lateralmente e a volo di uccello. Un gioco da provare giusto per provare un arcade alternativo e un po' di nicchia per i tempi che furono.
Shadowfire
20-07-2010 ore 04:12
Un gioco rivoluzionario per i tempi. La colonna sonora, composta da Fred Gray, è probabilmente una delle più incalzanti di sempre per il C64. L'interfaccia, composta da icone alla GEOS, poteva essere gestita non solo con tastiera e joystick, ma anche con mouse e penna ottica! Ricordo che l'acquistai originale al lancio in versione cassetta. Su un lato vi era la versione C64 e dall'altro la conversione Spectrum. Il gioco è mediamente difficile e senza manuale è quasi impossibile comprenderne le dinamiche. Una volta, in televisione sui canali RAI, un paio di anni dopo il lancio di Shadowfire vidi un documentario dedicato alla programmazione dei videogames in cui si vedeva Fred Gray arrangiare la musica di Shadowfire su una tastiera midi collegata al computer. Mi piacerebbe rivedere quello speciale. Grandissimi i programmatori, i mitici Denton Design.
Space Harrier (Versione USA)
09-09-2008 ore 02:22
Sono stato in contatto per un po' con Chris Butler, l'autore della conversione. Fu lui a realizzare entrambe le versioni. Solo che quella USA, uscita qualche mese dopo quella europea (che, mi pare ma non vorrei sbagliare, usci durante le vacanze natalizie), fu ottimizzata grazie al maggior tempo a disposizione e al timing del sistema NTSC che permette maggior velocita'. Per il resto il gioco e' sempre lo stesso, parole dell'autore.
Space Harrier (Versione Europea)
09-09-2008 ore 02:22
Sono stato in contatto per un po' con Chris Butler, l'autore della conversione. Fu lui a realizzare entrambe le versioni. Solo che quella USA, uscita qualche mese dopo quella europea (che, mi pare ma non vorrei sbagliare, usci durante le vacanze natalizie), fu ottimizzata grazie al maggior tempo a disposizione e al timing del sistema NTSC che permette maggior velocita'. Per il resto il gioco e' sempre lo stesso, parole dell'autore.
Conan
08-09-2008 ore 00:28
Il gioco girava in cassettina in formato turbo tape ed era gettonatissimo fra gli adolescenti perchè forse una delle uniche avventure testuali in italiano. Ricordo che l'ho finito quest'inverno giocandoci sull'E90 (cellulare) e che, guardando il codice, c'era pure il nome dell'autore. Sarebbe carino riuscire a rintracciarlo per farci raccontare la storia di questo gioco autenticamente leggendario. Un caposaldo direi, e non sto scherzando. Pur essendo programmato in basic, mi ha offerto ore e ore di divertimento.
Indiana Jones in the Lost Kingdom
08-09-2008 ore 00:24
Lo comprai originale nel lontano 1985 appena uscito. Ricordo che la sera uscii con i miei genitori e sfogliavo entusiasta il manuale del gioco (in realta' scarnissimo, ma la copertina con il Indy dentro la caverna era MOLTO evocativa, specie per un bambino). Il mattino dopo provai il gioco ed era una FETENZIA allucinante. Come potete vedere dalle schermate Indy era uno sprite monocolore (giallo, fra le altre cose) animato in maniera pessima, con una sistema squallidissimo di gestione delle collisioni e audio inesistente. Lo riportai indietro e presi altro (non ricordo cosa, forse Shadowfire, gioco stupendo che consiglio anche oggi).
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Rampage (Versione Europea)
"L'anno prossimo uscirà il film con The Rock, sarà un'americanata, ma il trailer mi ha gasato non poco!!!"
- Scritto da thecoach
Ult. Commento Art.
Alieni, piccioni e palline da golf (parte 2)
"Articolo fantastico! Finalmente sono riuscito ad avere un'idea più chiara di come possano essere contenuti i video nel piccolo spazio offerto dal C64! Grazie davvero per divulgare le tue conoscenze - e il tuo lavoro è davvero notevole! "
- Scritto da MarC-ello
Ospitato su