Commenti rilasciati da Samoht
Iscritto dal 03-12-2007
Gioco PreferitoZoids / Paradroid / Tau Ceti
Commenti 71
Voti 70
Cosmic Convoy
23-08-2012 ore 03:16
Confermo chi ha già citato le Aquile di "spazio 1999" prima di me: questo gioco porta alla memoria bei ricordi di infanzia vissuta negli anni '80. A me piaceva molto la musichetta di sottofondo ("du-du-du-dudu-du-du-du-duuuu...") che accompagnava durante il gioco... che di per sè ovviamente non è un colossal.
Mutants
23-08-2012 ore 02:14
Da appassionato del genere fantascientifico, ho sempre apprezzato l'idea originale di questo titolo. A mio parere - e al contrario di quanto tanti dicono - la colonna sonora non è eccezionale: è si un Fred Gray con delle buone doti melodiche, ma manca forse di un po' di bassi e percussioni degne di un Jeroen Tel o di un Chris Huelsbeck (nota: non c'è "Chip War" nell'archivio dei giochi?!? BLASFEMIA!!!). E poi insomma, arrivati a certi livelli, proprio facile facile non era...
Morpheus
23-08-2012 ore 02:05
Un gioco fuori dalla sua era. Uno dei primi tentativi di sviluppare un genere che miscela l'azione degli shoot'em up al ragionamento degli rts, ma troppe cose non funzionano: l'astronave è troppo grossa (quasi 3/4 dello schermo utile) ed è inevitabile la collisione con praticamente qualsiasi cosa. La parte di pianificazione poi richiede troppo impegno e per giunta è male articolata: gli scudi che non proteggono, e non si rigenerano se non hai un rigeneratore di scudi, che non funziona se non hai delle buone batterie, e lo spazio a bordo della nave è troppo limitato per ospitare tutti i sistemi... per non parlare dell'inutilità delle armi e del drone remoto. Buona, per quanto impossibile da gestire, l'idea della gestione delle varie sezioni della nave. Troppo poco lo spazio a disposizione nello schermo, e molte volte il Vic andava incontro a seri problemi di visualizzazione degli sprites (il classico "flickering") data la quantità di roba presente nello schermo allo stesso momento. Cinquanta livelli poi sono decisamente troppi! Non ai livelli di "Paradroid", che sicuramente per Braybrook è stato un successone: più semplice da gestire e di maggiore giocabilità. Peccato, perchè l'idea che sta dietro a questo titolo non è affatto male. Porta inevitabilmente alla memoria titoli come "Uridium" per la grafica, "Citadel" per alcuni dettagli e ovviamente "Mutants" per la natura della trama.
Duotris
05-04-2012 ore 08:29
Ci ho giocato tanto, da goderlo fino allo spasmo appunto. Mi ero poi innamorato della colonna sonora, che mi ero persino ripromesso di remixare... prima o poi lo farò!!
Duel, the
05-04-2012 ore 08:26
Quoto Zeus: da sbellicarsi quando ci si giocava in due (io e il mio fratellone ne sappiamo qualcosa). Ma era questa la versione in cui, quando si colpiva l'avversario, lo schermo diventava nero e la mitica voce elettronica del SID recitava "AH-MI-HAI-COLPITO"??
Dragon Breed
05-04-2012 ore 08:21
Un 6 tirato: ricordo di averci giocato parecchio sul C64, solo dopo scoprii che era la conversione di un coin'op della Irem. Ebbene, non mi faceva impazzire il coin-op, nonostante la maggior potenza hardware, ed essendo la conversione fedele - se non migliore -, resto con un 6 politico. Una cosa che però mi faceva impazzire era il drum loop digitalizzato nella schermata di caricamento!
Doughboy
05-04-2012 ore 08:16
Una volta capito cosa bisogna fare e come, questo gioco diventa anche divertente... e non è cosa da poco, visto che in ogni schermo le cose cambiano. Lo ricordo su una delle tante "cassettine" con il titolo "Dou Bou".
Double Take
05-04-2012 ore 08:14
Adoravo la colonna sonora di questo gioco, che cercai (senza successo) persino di remixare in chiave "dance". Purtroppo il gameplay risultava un po' troppo difficile, e portare a termine l'impresa era veramente... un'impresa!
Donald Duck's Playground
05-04-2012 ore 08:11
Come già in molti hanno sottolineato, nonostante questo gioco mancasse di un "finale" concreto, ricordo di averlo giocato fino allo svenimento e poi ancora e ancora... perchè? perchè era dannatamente divertente, ecco perchè!!
Doctor Who and the Mines of Terror
05-04-2012 ore 08:08
Il gioco è chiaramente un tie-in della serie televisiva del Dr. Who (che molti tra i meno giovani potranno ricordare). Interessante era la possibilià di gestire vari aspetti come l'inventario, per poter combinare gli oggetti ed ottenere diversi risultati, nonchè mandare in giro il gatto ("Splinx") a compiere dei task per recuperare oggetti o interagire con l'ambiente.
Dino Eggs
05-04-2012 ore 08:02
Un'altro di quei titoli che non brilla di certo per una grafica sontuosa o una colonna sonora da urlo, ma è decisamente innovativo per il gameplay se consideriamo che ci troviamo nel lontano '83. Un platform che vince con diverse chiavi: il fatto di entrare e uscire dai portali portando con se le uova dei dinosauri, accendere il fuoco con due pezzi di legno per tenere lontana mamma dino, le uova che si nascondono dietro le pietre e quelle che si schiudono (ma possiamo "ingabbiare" i piccoli dinosauri e portarli con noi quando usciamo dai portali) e ovviamente un'orda di piccoli animaletti (qualcuno direbbe "simpatici come un dito nel...) che ostacola le nostre imprese. Ci rigioco ancora oggi, con leggero boost della velocità dell'emu (altrimenti ci mettiamo una vita a viaggiare da una parte all'altra dello schermo).
Deceptor
05-04-2012 ore 07:51
All'epoca, tutto ciò che implicava una "trasformazione" faceva moda - e chi se le dimentica le Autorobot Transformers?? Quanto era divertente questo gioco... ma presto si facevano i conti con il solito difetto della difficoltà troppo elevata in alcuni punti...
Countdown To Meltdown
05-04-2012 ore 07:32
Ottimo gioco multi-fase in cui si devono gestire diversi aspetti dell'impresa che si va ad affrontare, con una forte componente rpg. Unico neo? IL TEMPO CHE SCORRE!!!
Confuzion
05-04-2012 ore 07:26
Un divertente puzzle game a cui ho giocato parecchio ai tempi d'oro, molto simile a quelli in cui al posto della miccia si hanno dei tubi da collegare per far scorrere l'acqua fino a determinati obbiettivi. Ho letto da qualche parte che per la colonna sonora di Hubbard era intervenuta una band famosa, oppure che originalmente era stata scritta per un gruppo famoso, o qualcosa del genere...
Combat Crazy: Warbringer
05-04-2012 ore 07:20
7 anche per me: il titolo di per se è anche divertente e giocabile, ma non posso negare che buona parte del mio voto è naturalmente dovuta alla bellissima colonna sonora di Jeroen Tel dei MoN.
Citadel
05-04-2012 ore 07:16
A mio avviso, uno dei primi giochi in cui compare il metodo del "doppio click" tramite il pulsante di fuoco, con il quale si apre la modalità di interazione con l'ambiente circostante. Innovativo, divertente, graficamente avanzato e ricco di sorprese: un bel 9 meritato!
Chimera
05-04-2012 ore 07:11
E' praticamente un clone di "CYLU". Non avendo le istruzioni, è sempre stato un problema capire cosa bisognasse fare... ad ogni modo, il gioco aveva la solita pecca di molti altri titoli: difficoltà incredibile - una delle risorse a nostra disposizione terminava sempre troppo presto...
Cell Defense
05-04-2012 ore 07:06
Divertente. Ho sempre amato i giochi che simulassero situazioni tipo "il corpo umano" o il funzionamento di macchinari. Anche se la grafica è piuttosto semplice e viene fatto uso dei semplici caratteri di sistema, il gioco risulta molto educativo e simpatico e apprezzabile.
Celebrity Squares
05-04-2012 ore 07:02
Uno dei giochi dimostrativi inclusi nel pacchetto del SEUCK (Shoot Em Up Construction Kit). Un divertente shoot em up a scorrimento verticale, senza troppe pretese tecniche, ma con un discreto comparto grafico e sonoro (il seuck non permetteva di certo numeri da circo).
Cauldron II: The Pumpkin Strikes Back
05-04-2012 ore 06:56
Un'altro di quei titoli che mi davano estremamente sui nervi, per il semplice fatto che la grafica gli effetti e le animazioni ti lasciavano a bocca spalancata... mentre da dietro te la mettevano in quel posto, data l'incredibile difficoltà del gioco!!
Burnin' Rubber
05-04-2012 ore 06:38
Quanto ridere che facevamo all'epoca, io e i miei amici, con questo simpatico giochino... le macchinine con le ruote che sballonzolano mi facevano piegare in due!!!
Borzoi
05-04-2012 ore 06:26
Considerando che la grafica delle schermate è... appunto grafica, statica, si sarebbe potuto tentare almeno qualche numero in più a tale proposito. Ricordo di averlo giocato all'epoca, e di essere arrivato anche ad un certo livello. "Che titolo strano ha, questo gioco!" quando poi scoprii che si riferiva ad una razza canina...
Blue Max 2001
05-04-2012 ore 06:21
Il mio "de gustibus" poteva essere qualcosa in più... nel senso che è sì il successore del "blue max" che tutti conosciamo, proiettato nel futuro e con scrolling nella direzione simmetrica rispetto al primo, ma la giocabilità è veramente bassa: i controlli rispondono un po' quando vogliono loro e non è facile decidere quando avanzare, quando fermarsi, lanciare le bombe e cambiare altezza - e se si considera il fatto che lanciare bombe sui bersagli ad un'altezza poco elevata comporta il fatto di distruggersi, abbiamo detto tutto. Peccato, perchè lo ritengo un gioco interessante.
Atlantis
05-04-2012 ore 05:06
GIà all'epoca, questo gioco mi rimandava indietro ai tempi in cui lo giocavo sull'Atari 2600 (*sigh*): è sempre meglio infatti della versione precedente per la console, ma si poteva anche migliorare ulteriormente grafica e sonoro...
Anti
05-04-2012 ore 04:54
Modernamente lo si potrebbe definire un "coffe-break game": senza infamia e senza lode, piuttosto ripetitivo. La maggior parte del mio voto va nell'impegno per gli sfondi - tutto qui!
AirWolf II
05-04-2012 ore 01:46
La saga continua... di male in peggio però: rispetto al primo capitolo, sono state introdotte alcune varianti (per lo più di "gestione"), ma la solfa non cambia. L'unica cosa che colpisce è la videata grafica iniziale.
AirWolf
05-04-2012 ore 01:43
Concordo: senza infamia e senza lode - 5, appena sopra il 4, ma comunque non sufficiente. La colonna sonora giustamente riporta alla mente la serie televisiva, con Dominique Santini e Stradivarius Hawk... ma il gioco tradisce prendendo distanze abissali dalle tematiche del telefilm, nonchè una noiosità mortale.
Ah Diddums
05-04-2012 ore 01:36
Ricordo che un amico aveva la cassetta di questo titolo. Il mio voto di "ciofecone immondo" deriva dal fatto che questo gioco ti ingannava inizialmente con l'ambientazione del "playground" di un bambino piccolo con orsacchiotti, blocchi da costruzione, soldatini... per poi rivelarsi di una difficoltà indescrivibile!
Ace II
05-04-2012 ore 01:30
RIcordo che a volte caricavo il gioco solo per ascoltare quel capolavoro di colonna sonora in sottofondo, alla schermata iniziale... che se ci fate caso, ricorda da molto vicino "Danger Zone", nella colonna sonora di Top Gun!
WitchSwitch
07-05-2010 ore 06:56
Ottima la rece di Andy. Ci ho giocato parecchio all'epoca... e nonostante la grafica e l'audio non fossero dele migliori, ricordo che ho sempre trovato questo gioco molto interessante, anche per il gameplay che variava da un livello all'altro. Ottimo direi.
Zorro
07-05-2010 ore 06:50
Anch'io come tanti, ho bei ricordi legati a questo gioco. Ma, come al solito, ahimè troppo difficile: all'epoca non era semplice cercare di interpretare la grafica per capire cosa bisognasse fare per proseguire... e qui era praticamente pura interpretazione!!
Zoids
07-05-2010 ore 06:46
Questo gioco mi ha fatto tirare tanti di quei bestemmioni che potreste immaginarvene solo la metà. Bello, bello e ancora bello, e una delle migliori colonne sonore che abbia mai sentito. Però veramente troppo difficile per essere giocato con un joystick: la sezione della mira del cannoncino era esilarante, e il puntamento del missile tante volte andava a puro culo. Per non parlare poi della sezione di signal jamming delle stazioni radio... spesso poi ci si trovava a fare 2 cose alla volta (movimento/battaglia), il che rendeva la situazione piuttosto ingestibile. Peccato, perchè questo titolo mi ha sempre lasciato quel retrogusto "alchemico" in bocca... Poi mi ricorda l'epoca degli Zoids, i robottini/oni da costruire, a molla o a batteria: nel gioco non sono mai riuscito a completare lo Zoid blu, ma nella realtà avevo lo Zoidzilla blu: un bestione, con tanto di pilota in tuta dorata nell'abitacolo, e luce rossa negli occhi!!!
Zamzara
07-05-2010 ore 06:39
Era quando ti capitavano tra le mani giochi come questo, che diventavi fiero ed orgoglioso di possedere il tuo C64. La grafica ed il gameplay assolutamente belli ed interessanti sono incorniciati dalle colonne sonore dei MoN (ricordo che mi ero addirittura registrato su nastro la colonna sonora della schermata del titolo e dell'high score)... ma ahimè il tempo a disposizione era davvero troppo, troppo poco... il che portava inevitabilmente a fare le cose troppo, ma veramente troppo di corsa per poterlo finire.
1985: The Day After
07-05-2010 ore 06:34
Allora, qui c'è da aprire un discorso particolare. Essendo l'anno 1984, direi che il gameplay è piuttosto innovativo. Se si fosse fatto un remake qualche annetto più tardi, sicuramente sarebbe uscito qualcosa di interessante. Mi sono sempre piaciuti i giochi alla "Jupiter Lander" o "Thrust".
1994: Ten Years After
07-05-2010 ore 06:31
Non vogliatemene, ma i giochi come questo, personalmente non li ho mai capiti: se non era la grafica bruttissima o il sonoro orrendo, era l'estrema difficoltà del gioco a sopprimere qualsiasi tentativo di entusiasmo...
Time Crystal
15-04-2010 ore 07:58
Ricordo che questo programma in realtà era solo una demo, ma gli do un votone... se solo l'idea fosse stata portata avanti, probabilmente sarebbe stata l'applicazione del secolo su C64. La grafica è a dir poco impressionante!
Thunderbirds
15-04-2010 ore 07:55
Il primo gioco sul Commodore che trae ispirazione dalle avventure della squadra di Gerry Anderson. Un buon puzzle-game con una discreta dose di azione. Anche qui, come al solito, i ricordi fioccano a profusione, e la colonna sonora ripetitiva non uscirà mai dalla mia testa.
Thing on a Spring
15-04-2010 ore 07:46
Ragazzi, so che mi troverete ripetitivo: il gioco era simpatico e la grafica accattivante ma... come al solito, troppo difficile! Al comparto audio, Rob Hubbard in una delle sue migliori interpretazioni.
V: The Computer Game
15-04-2010 ore 07:29
Quoto quanto detto da Wolfheart: ricordo di averlo caricato diverse volte... e tutte le volte restavo là, a correre avanti e indietro, con quel rumore di sottofondo "vrr- vrr-vrr-vrr-vrr..."
Untouchables, The
15-04-2010 ore 07:25
L'avevo acquistato originale su cassetta. Come dice tyuan: gran bella grafica, colonna sonora entusiasmante... ma scarsamente giocabile e troppo difficile!
Underwurlde
15-04-2010 ore 07:20
Quanta alchimia ha rappresentato questo gioco per me... nonostante riuscii a comprendere (pur senza istruzioni, ovviamente) che era possibile prendere le armi e uccidere i nemici, il gioco mi è sempre risultato troppo difficile: i nemici erano troppo fastidiosi nei punti in cui bisognava utilizzare le funi per calarsi nei pozzi o le bolle per risalirli.
Nodes of Yesod
15-04-2010 ore 07:14
Decisamente godibile, anche se non sono mai riuscito nell'intento di completarlo. L'idea di fondo è simpatica, e la "talpa" che rosicchia le pareti è carinissima ;)
Neptune's Daughters
15-04-2010 ore 07:09
Maledetti: l'avete fatto di nuovo! mi avete riportato indietro un'altra volta, in quel lontano giorno in cui all'età di circa 8 anni (25 anni fa circa!) dovevo eseguire la solita serie di esami medici per il diabete (che ormai mi accompagna ogni anno) e la caposala, che mi aveva preso in simpatia, mi passava qualche cassetta del figlio da copiare... mi state facendo piangere! Tornando al gioco... siamo nell'83: cosa vi aspettate? il giochino è simpatico, tutto sommato, anche se grafica e sonoro sono tutt'altro che da urlo...
Nebulus
15-04-2010 ore 06:51
Ricordo che era difficile, all'epoca, credere che fosse il Commodore 64 a far girare questo gioco dall'animazione grafica eccezionale della torre che ruota su sè stessa mentre la si scala fino all'ultimo livello, e tutto ci gira attorno via via che ci si arrampica. Divertentissimo, anche se dopo qualche torre, la difficoltà aumenta a livelli masochistici.
Myth: History in the Making
15-04-2010 ore 06:46
La mascella sarebbe cascata anche solo per le musiche (non a caso, Jeroen Tel e i Maniacs of Noise sono tra i miei preferiti), e il colpo di grazia lo davano la grafica e la storia incredibile che facevano di Myth una vera opera d'arte. Veramente un capolavoro, ma anche troppo difficile.
Mountain King
15-04-2010 ore 06:40
Nulla di particolare emerge in questo gioco a livello di grafica o sonoro, ma spiccano alcune caratteristiche innovative: fu il primo titolo in cui vidi un omino accendere una torcia per vedere oggetti altrimenti nascosti, e in più si doveva utilizzare il sonoro che, tramite il variare dell'intensità di un motivetto (che più tardi scoprii essere la "Danza di Anitra", tratta dal Peer Gynt di Edvard Grieg) ci guidava verso l'obbiettivo. L'altro motivo incalzante è anch'esso tratto dal Peer Gynt, ed è "Nell'antro del re della montagna". Il ragno nell livello più basso mi terrorizzava - ricordo inoltre che passò parecchio tempo prima che riuscii a comprendere lo scopo del gioco...
Monty on the Run
15-04-2010 ore 06:25
Mi strappa il 7 solo per colpa di Rob Hubbard: la colonna sonora me la ricorderò finchè avrò vita - tanto il frenetico motivo in-game quanto la dolcissima canzone della schermata "hall of fame". Ma a difficoltà - assurda - non ci siamo (che novità, eh??)
Morpheus
15-04-2010 ore 06:21
Questo titolo mi ha sempre affascinato... ovvero: "mai capito cosa bisognasse fare". Davvero. E nemmeno al giorno d'oggi ci sono riuscito!!
Metabolis
15-04-2010 ore 06:15
Mi unisco ad Eregil, ma do' anche un punto in meno come valutazione - non tanto per la grafica, che per un gioco del lontano '85 era anche abbastanza carina (bellissima la barra della vitalità rappresentata dal passerotto, che diventa scheletro man mano che l'energia cala), quanto per la difficlotà assurda del gioco.
Dynamite Dan
14-04-2010 ore 06:54
Ah! E qui vi voglio! Ecco un altro titolo che mi faceva inc@$$are come una biscia! attraente, multicolore, con un sacco di schemi da visitare e cose da prendere, una marea di affarini simpatici che si muovevano per lo schermo e di effetti sonori e gingle curiosi... ma troppo, troppo, troppo (fermatemi quando volete), troppo difficile. Il salto a lunghezza predefinita (non era possibile arrestare la corsa una volta spiccato il salto) rendeva il giocatore incontrollabile, ed era pressochè impossibile cercare di atterrare nel punto desiderato o evitare il nemico di turno. La famigerata collisione "al pixel", che tanto andava di moda in molti giochi dell'epoca, completava l'assurda difficoltà del gioco.
Lazy Jones
14-04-2010 ore 06:47
Mi accodo a quello che in molti hanno già detto: meravigliosa semplicità, e ovviamente tanta, tanta nostalgia. La colonna sonora è uno degli aspetti che più mi ha fatto innamorare di questo gioco... come qualcuno accennava, ricalcava alcuni motivi famosi dell'epoca: è stata citata "99 luftballons" di Nena e il motivo da cui è stata ripresa la famosa canzone techno... ma a molti non potranno sfuggire i riferimenti alla colonna sonora del film "Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo" di Spielberg, o la canzone "Fade to Grey" dei Visage. 80 voglia degli anni 80!
Mad Doctor
12-04-2010 ore 08:04
"Lupo ululì, castello... ululà".Che dire... Io e il mio fratellone avevamo una versione "italianizzata", da creparsi dalle risate per le traduzioni maccheroniche e sbagliate. "Credo di aver capito: rimetta... a posto... la... candela..."
Rimrunner
12-04-2010 ore 07:59
Quoto quanto già detto nei commenti precedenti. La creatura che corre a cavalcioni del dinosauro è oltretutto il soggetto dal quale ho tratto il mio avatar nel forum... ma è davvero tutto qui. E mi ha incuriosito ultimamente, perchè se si apre il file .sid, ci sono degli effetti sonori non utilizzati... che lasciano intuire qualcosa... che però non c'è!
Rainbow Islands
12-04-2010 ore 07:53
Come in tanti hanno già detto, conversione meravigliosa - forse la migliore che abbia mai visto, dal coin'op al Commodore 64.
Raid Over Moscow
12-04-2010 ore 07:51
Ricordo che nella combriccola, fui il primo a riuscire a finirlo. E i miei amici gelosissimi "come hai fatto?!? fammi vedere!!!". Un bel giocone, con una storia sotto dei tempi di Regan e Gorbaciov. E sopratutto, bei tempi andati.
Radar Rat Race
12-04-2010 ore 07:48
Non posso parlare della versione del 64... perchè questo titolo ce lo avevamo a disposizione SU CARTUCCIA per il vic20!!! Assai divertente per l'epoca pre-video games. Le stramaledette musichette non mi usciranno mai dalla testa...
Rags to Riches
12-04-2010 ore 07:46
Quanto giocare - e quanto ridere facemmo io e mio fratello con questo gioco... E sì, come già accennato da oiavid, era frustrante vedersi portar via ogni volta tutto quanto dal ladro di turno.
Project Firestart
12-04-2010 ore 07:29
Eccolo qui, un altro capolavoro. Ricordo la prima volta che lo vidi, a casa di un amico... già dalla presentazione, rimasi come un ebete a bocca aperta. Credo onestamente che ci potrebbero rifare un gran bel remake, al giorno d'oggi, in cui troppo spesso si sente la mancanza di spessore narrativo e di atmosfera!
Polar Pierre
12-04-2010 ore 07:18
Un'altro titolo i cui i riquadri vennero presto smembrati e distribuiti in innumerevoli versioni tarocche. Interessante la filosofia di sottofondo, anche se alcuni livelli erano al limite della follia.
Pitfall II: Lost Caverns
12-04-2010 ore 07:13
Si, un 5. Perchè secondo me, in PitFall II c'è molto da bilanciare. Era bello vedere cose interessanti, tipo le cascate... i laghi sotterranei... le scalette... tutte quelle cose che insomma stuzzicavano la fantasia del "chissà dove mi porta se vado di qua?", e poi "guarda che roba! se cadi in acqua, nuoti!" (parliamo pur sempre dei primi anni 80, tenetelo bene a mente). Però ci si accorgeva presto che, gira e rigira, non si finiva mai da nessuna parte, in concreto, e le scalette portavano ad... altre scalette, e i laghetti portavano ad... ulteriori laghetti, magari con qualche anguilla elettrica... cmq un caposaldo, anche per le musichette che tutti ricorderanno a lungo.
Pastfinder
12-04-2010 ore 07:05
Santo cielo, quanto giocare feci con questo titolo... Dalla grafica estremamente semplice ma, come già detto da AggRoger, veramente intelligente dal punto di vista tecnico. Ricordo che l'acquistai originale in cassetta: la confezione in plastica bianca era particolarmente grossa (tipo quella dei moderni dvd) e la copertina raffigurava un esploratore con tuta spaziale che, con una picozza, rompeva un muro alla ricerca degli antichi "artefatti" ...
Paradroid
12-04-2010 ore 07:00
Uno dei miei giochi preferiti: qui la votazione "pietra miliare" è d'obbligo. Mio fratello mi iniziò a questo capolavoro... poi diventai anche più bravo di lui, riuscendo a finirlo più volte. Che paura quando si entrava nel livello di alcuni robot classe 7** (li chiamavamo "i coccodrilloni"), che erano dotati dell'arma a "tuono globale" capace di danneggiare tutti i droidi in vista... e che fregatura riuscire a conquistare il 999 per scoprire che aveva le batterie che duravano meno di uno dei primi Startac!!
Sacred Armour of Antiriad, The
12-04-2010 ore 06:53
Come già hanno detto in tanti, questo titolo lasciava a bocca aperta per l'ottima grafica del personaggio, dei fondali e di altri elementi (anche se in alcuni momenti lasciava a desiderare). Le animazioni del giocatore erano fenomenali e gli effetti sonori degni di nota. Ma quello che più mi lasciò stupito era la trama: un ragazzo "cavernicolo" di una futura era post-atomica che doveva trovare un'armatura, potenziarla e gettarsi nel covo dei cattivi per eliminare la minaccia una volta per tutte... strepitoso! ricordo ancora la faccia che feci la prima volta che trovai l'armatura e vi entrai, attivandola...
Jet Set Willy II: The Final Frontier
12-04-2010 ore 06:48
Qui dovrei aprire una profonda parentesi. Non tanto per il gioco, che prendeva per la sterminata varietà dei livelli - che contrastava direttamente con l'elevatissima difficoltà di gioco, ma per la colonna sonora. "Per Elisa" nel menù principale, e... "Giochi Proibiti" durante il gioco: dolce, eseguita tutta ad onda sinusoidale... che ha cullato tanti bei ricordi della mia infanzia. E ancora adesso continua a cullarmi dolcemente!
Fighting Warrior
12-04-2010 ore 06:40
Un altro titolo che rimarrà sempre nella mia memoria... vuoi per la musichetta ipnotica "egizianeggiante" che imperversava durante tutto il gioco, vuoi perchè troppo tardi ti saresti accorto che anche se sapevi che non c'era una storia, andavi avanti a menar mazzate, sperando di vedere qualcosa di diverso...
Exile
12-04-2010 ore 06:36
Come dimenticarlo... è stato uno di quei titoli che mi incuriosivano, data la presenza di menù che lasciavano intuire che "si potevano fare cose interessanti". Anzitutto era necessario un certo "training" per comprendere la meccanica di gioco, dopodichè si potevano inizare a fare i conti con le varie difficoltà e supposizioni sulle combinazioni dei vari oggetti che si trovavano lungo il percorso. La difficoltà rimaneva ad ogni modo piuttosto elevata, come voleva la "vecchia scuola".
Castles of Dr. Creep, The
06-04-2010 ore 07:59
Ricordo che di questo titolo ne è stata tratta una serie pressochè infinita di versioni tarocche, una delle quali si intitolava "Le segrete del castello croato" (ma vedi un po' te!). Ricordo che io e il mio fratellone ci perdavamo le serate a cercare di capire come risolvere gli enigmi e i rompicapo per poter uscire dal castello... dolci ricordi!
Caesar the Cat
06-04-2010 ore 07:55
Il classico gioco di "caccia al topo", ovvero prendere determinati oggetti dallo schermo prima che spariscano. Ad un certo punto diventa difficile, però, muoversi senza far cadere nulla...
Booga-Boo the Flea
06-04-2010 ore 07:47
Ricordo di averci tentato seriamente, qualche volta... ma il gioco è sempre risultato troppo difficile. Peccato, perchè era piuttosto innovativo come stile: calcolare la distanza e la traiettoria da percorrere, impostare la direzione e la forza per il salto... Ma troppo, troppo difficile evitare le collisioni con i nemici: sono riuscito a percorrere pochi livelli verso la superficie, ma nulla di più.
Batalyx
06-04-2010 ore 07:34
Oggi tutto ha un senso. Spesso scontato, ma ce l'ha. Se una cosa è priva di senso, non va da nessuna parte. Un tempo le cose non erano così - e Jeff Minter ce lo dimostra, con questo capolavoro di intrattenimento in puro stile "non- sense": nessun protagonista deve salvare la Terra dai nemici cattivi, non bisogna vincere una corsa automobilistica o raccogliere i pezzi di una super-arma segreta da utilizzare contro gli alieni invasori... bisogna semplicemente completare una serie di mini-giochi prima che scada il tempo. E capire cosa fosse necessario fare in ogni mini-gioco non era sicuramente alla portata di tutti - il sottoscritto, ad esempio, è riuscito a terminare il gioco (senza cheats, giuro!) soltanto di recente... ma ricordo che ogni volta che lo caricavo all'epoca (forse per spasmodico sadismo curioso), ci giocavo un 5-10 minuti cercando di coglierne il senso... e inevitabilmente finivo con lo spegnere il C64 dopo aver perso la pazienza. Quello che mi hanno insegnato cose simili è che esistono lati nella vita che vanno presi così come sono. Troppo filosofico, huh? hehheheh :)
Tau Ceti
06-04-2010 ore 07:20
Heh... che dire: uno tra i miei giochi preferiti. Ovviamente, come tanti altri, non avevo la versione originale, quindi niente istruzioni: tutto ad intuito. E sono riuscito a finirlo. Avevo la versione "italianica" del gioco, ricordo i messaggi "Capsula Stivata in Modulo Federale", o "REEMA avanti", "AURIGA avanti", "1 sezione RARRE presi" (lo so, si sarebbero dovute chiamare "sbarre", ma credo abbiano commesso degli strafalcioni a tradurre "rods" dall'inglese). La vera rivoluzione venne quando scoprii come si utilizzavano i teletrasporti, e come si utilizzava la mappa. Ci giochicchiai di tanto in tanto, finchè non mi ci misi d'impegno, un giorno, e salvando le partite, nel giro di una settimana - o forse due - riuscii a finirlo... ricordo ancora il terrore dell'ultima parte, quello in cui ci si doveva recare a Centralis, dove le difese della città erano altissime... ma poi scoprii che tutti i livelli si potevano affrontare allo stesso modo, anche i più "difficili". Bel gioco, bei ricordi, come al solito quando si parla di C64!!
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Rampage (Versione Europea)
"L'anno prossimo uscirà il film con The Rock, sarà un'americanata, ma il trailer mi ha gasato non poco!!!"
- Scritto da thecoach
Ult. Commento Art.
Alieni, piccioni e palline da golf (parte 2)
"Articolo fantastico! Finalmente sono riuscito ad avere un'idea più chiara di come possano essere contenuti i video nel piccolo spazio offerto dal C64! Grazie davvero per divulgare le tue conoscenze - e il tuo lavoro è davvero notevole! "
- Scritto da MarC-ello
Ospitato su