Papersoft 1985 Numero 23
Screenshot: papersoft_2.png Copertina: copertina_papersoft_1985_23.jpg
Anteprima Contenuto
Copertina

Categoria:
Inserito: 25 marzo 2010
Crediti: Roberto (Scansioni, Data Entry) Eregil (BugFix)
Download: Scarica "Papersoft 1985 Numero 23"
Ultimo download: 24 03 2017 03:07:58 pm
Totale Download: 114
Dimensione: 9Kb.
Scansioni: Scarica

 

Data di Pubblicazione: 14 Giugno 1985

Sommario Vic 20

  • Spacca Ventuno
  • Asteroid Belt

Sommario C16-Plus/4

  • Rubrica indirizzi

Sommario Commodore 64

  • Studio di Funzioni (originale)

Studio di Funzioni
di Fabrizio Ravazzano

1985_23_studio_di_funzioni

Questa settimana vi presentiamo un programma che sarà senz'altro gradito dagli studenti (e dai professori) che devono vedersela tutti i giorni con le funzioni matematiche. Con esso è possibile eseguire lo studio completo di una funzione in una variabile, calcolando massimi, minimi, soluzioni reali, derivata prima e seconda (in un punto) ed integrale definito; inoltre si può visualizzare il grafico ad alta risoluzione della funzione e della sua derivata prima.

Si tratta di un programma dalla struttura complessa, comprendente una routine che sostituisce ai comandi Wait, Verify, Cont, Let presenti nel listato altrettante nuove istruzioni (Plot, Screen, Wipe, Hue) che servono per la gestione dello schermo hi-res.
Naturalmente per utilizzare questo programma occorre avere qualche cognizione di matematica, e per riuscire a sfruttarlo pienamente è necessario fare un po' di pratica. Tuttavia l'uso è facilitato dal fatto che tutte le opzioni possibili sono riunite in un menu. Vediamole una per una.

Introduzione funzione - Serve ad introdurre la funzione da studiare, usando X come variabile e facendo attenzione a non superare i 62 caratteri (quelli in eccesso verrebbero ignorati).

Campo di esistenza - Se la funzione non è definita per tutti i valori reali, è necessario introdurre l'intervallo dove non è definita, usando a variabile X ed i simboli "> ", "< " e "-"; nel caso ci siano più punti in cui la funzione non è definita, utilizzare l'operatore logico And. Se invece è sempre definita basta premere il tasto "1". Attenzione-, ogni qualvolta viene introdotta una nuova funzione occorre cambiare anche il campo di esistenza.

Integrale definito - Per calcolarlo bisogna assegnare gli estremi dell'intervallo di integrazione e il numero di suddivisioni, in quanto l'integrale viene calcolato per approssimazione tramite la somma delle aree di piccoli trapezi (naturalmente, crescendo il numero di suddivisioni aumenta sia la precisione del risultato sia, purtroppo, il tempo di elaborazione). Derivata prima e seconda - Viene calcolato il valore numerico che queste hanno in un determinato punto, del quale si deve introdurre l'ascissa. Massimi e minimi - La ricerca avviene all'interno di un intervallo, di cui vanno specificati gli estremi ed il numero di suddivisioni. La precisione è tanto maggiore quanto più grande è tale numero.

Soluzioni reali - Permette di trovare (se esistono) i punti in cui la funzione cambia segno all'interno di un certo intervallo (vedi "massimi e minimi").

Grafico funzione/Grafico derivata prima - Questa opzione permette di tracciare il grafico della funzione sullo schermo. I parametri da introdurre sono:
- la risoluzione, che determina la densità dei punti che formano il grafico (e di conseguenza il tempo impiegato a tracciarlo);
- l'ampiezza verticale e quella orizzontale, Che regolano l'ingrandimento del grafico nelle due direzioni;
- l'intervallo in cui si vuole visualizzare la funzione;
- le coordinate dell'origine. Proseguendo, il programma chiede se lo schermo debba venir pulito oppure no, consentendo la sovrapposizione di più grafici, e se si vuole che gli assi X e Y vengano disegnati (ovviamente essi appaiono solo se l'origine rientra nello schermo).

Per quanto riguarda il grafico della derivata prima la procedura è identica. Quando avrete familiarizzato con questi parametri, riuscirete facilmente a "inquadrare" qualsiasi grafico nel vostro video. Un'ultima raccomandazione: essendo il listato particolarmente lungo, prestate molta attenzione nel digitarlo, per evitare in seguito un noioso lavoro di controllo.

Altri numeri disponibili in questa collana. I numeri sono progressivi, posiziona il cursore su uno di essi per leggerne il titolo. Oppure, torna all'indice delle categorie.
50
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Last Duel
"Un paio di mesi dopo la discussa review (76%..) del bel Led Storm di Software Creations, arrivò sulle pagine di Zzap (maggio 89) questo Last Duel, conversione di un altro coin-op Capcom che aveva in comune con il primo non solo parte del' impostazione ma anche l'anno di uscita in sala giochi (1988). Rispetto all'edizione inglese il voto di Last Duel fu alzato di una decina di punti e diciamo che ci poteva stare, perchè alla fine si tratta di una discreta conversione che con qualche accorgimento in più poteva diventare valida. Ma non ci lamentiamo più di tanto visto che i programmatori della Tiertex già avevano rovinato dei miti come 1943 o Rolling Thunder. Il coin-op all'epoca me lo sono giocato e devo dire che questo porting lo ricorda abbastanza, sopratutto sui fondali che possiedono una buona varietà e dettaglio, non altrettanto si può dire dei nemici che boss a parte risultano semplificati sia nella quantità che nella qualità. Nel arcade ogni livello ha nemici nuovi, qui si incontrano gli stessi dei primi livelli per tutto il gioco (la versione Amstrad possiede più varietà),considerando che c'è il multiload non è una bella cosa, visto che Led Storm in un singolo caricamento ne offriva di più. Per quanto riguarda il gameplay c'è da evidenziare la possibilità di giocare in doppio, cosa non di poco conto. La frenesia però non raggiunge i livelli dell originale perchè i nemici su schermo sono in numero minore (niente nutrite formazioni da distruggere nei livelli spaziali), inoltre i fondali sono meno animati (assenti le lingue di fuoco oppure le mattonelle scivolose). I livelli ci sono tutti purtroppo manca il commento sonoro durante il gioco, gli effetti sonori comunque sono da preistoria del C 64. Vista la carenza di buoni verticali e il gameplay che prova a differenziarsi dalla massa con 2 sezioni ben distinte, diciamo che Last Duel si può considerare un discreto esempio del genere su 64."
- Scritto da shippo76
Ult. Commento Art.
C64 & Pirateria #00: Introduzione
"Molte di quelle riviste con cassetta contenevano anche recensioni di giochi "ufficiali" e altri articoli; ho scoperto (magari lo sapevate già, ma non mi pare che se ne parli in questo sito) che alcune di queste recensioni sono traduzioni più o ..."
- Scritto da Kirie e Leison
Ospitato su