Commodore 64 - Nuovo Hardware

Sono passati ormai 12 anni anni da quando l'ultimo Commodore 64 è uscito da una catena di montaggio eppure nonostante il fallimento della casa madre continuano ad essere realizzate nuove periferiche hardware nel tentativo di espandere la macchina oltre i suoi naturali confini. Accolte con umori contrastanti presso i nostalgici, gli addetti ai lavori e tra i semplici appassionati, la sorte di queste migliorie Hardware cammina in bilico su un filo sottile: cercare di potenziare qualcosa di magico senza rischiare al contempo distruggerne il fascino ed il feeling originario.

SuperCPU

Mentre il Commodore 64 è carrozzato con un microprocessore MOS 6510 a 0.987Mhz (PAL), la SuperCPU eleva la velocità di calcolo a 20Mhz grazie all'utilizzo del microprocessore W65C816S.

Pro - Un Commodore 64 venti volte più veloce.

Contro – Non sempre le cose veloci sono anche facili da gestire poichè i programmi per Commodore 64 sono pensati per girare ad un 1Mhz, necessita prevalentemente di software scritto ad hoc specialmente nel campo delle applicazioni ludiche.

ide64IDE64

L'IDE64 è un interfaccia che consente la connessione di un Hard Disk IDE o di un dispositivo DVD/CD-ROM al Commodore 64 ed inoltre offre il supporto alle memorie Compact Flash.

Pro - tutti i vantaggi di un Hard Disk estesi al Commodore 64: tempi di caricamento quasi azzerati, possibilità di immagazzinare grandi archivi, nuove estensioni al Basic per la gestione dei file, ottimo supporto attraverso la costante release di nuovo firmware, espande il C64 senza snaturarlo. Ha incorporato nella ROM un file manager di tutto rispetto.

Contro - richiede che alcuni programmi vengano patchati per poter funzionare. Non è propriamente economica...

mmc64MMC64

La MMC64, consente di utilizzare le Card MMC e SD (Secure Data) comunemente disponibili in commercio come memoria di massa per il Commodore 64.

Pro – Agile e comoda è supportata da molti plugins ed utility. Ha un player integrato per il file SID, il formato in cui sono salvate le musiche del Commodore 64. Molto utile per il trasferimento dei file tra C64 e PC e viceversa.

Contro – è possibile trasferire i dati da MMC a Floppy ma per il momento tale processo risulta essere ancora lento.

4 player interface4 Player Interface

Interfaccia che aggiunge ulteriori 2 porte Joystick al Commodore 64!

Pro: Divertimento moltiplicato.

Contro: La libreria software che supporta questa interfaccia è drammaticamente basso.

retro replayRR RetroReplay

La parola "Action Replay" farà brillare gli occhi a più di qualcuno e sicuramente non mancherà di risvegliare lo smanettone che c'è in noi. Ebbene si: la celeberrima cartridge nacque proprio per Commodore 64 grazie alla DATEL, anche se nel tempo il suo utilizzo si è modificato e si sono perse le funzioni originali.

Pro: consente di esaminare la memoria dei programmi, velocizzare i caricamenti, freezare la memoria, comandi BASIC aggiuntivi, rippare schermate grafiche e tanto altro. Insomma tutta una serie di attività che richiedono un uso più o meno smodato di materia grigia.... La RetroReplay è tutto questo ed anche di più: un clone migliorato e potenziato della Action Replay aggiornabile via software grazie alla memoria flash.

Contro: nessuno di rilievo.

x1541Star Commander + X1541

Abbandoniamo la strada delle espansioni Hardware per Commodore 64 per considerare un altro aspetto che vale la pena esaminare, ovvero la connessione tra Commodore 64 e i moderni PC.

Tale possibilità torna a vantaggio di chi vuole utilizzare il C64 “al naturale”, sfruttando al contempo l'enorme massa di giochi e programmi messi a disposizione dall' emulazione e da Internet oppure a chi vuole effettuare il processo inverso, vale a dire trasferire su PC il software di cui dispone per Commodore 64.
La serie di Cavi della classe X(*)1541 consente di connettere un Disk Drive 1541 o compatibile al PC utilizzando la porta seriale, mentre lo Star Commander è il software che gestisce tale collegamento.

Su tale binomio si basa praticamente la totalità dei giochi emulati e normalmente reperibili in Internet. L' X1541 originale si deve ad uno svizzero, Leopoldo Ghielmetti, dal cui progetto base nato nel 1992, concepito per funzionare in DOS, si sono sviluppate varie modifiche per consentire al cavo per operare in ambiente multitasking (Windows/Linux) e con moderni processori Pentium. Visitando il sito http://sta.c64.org/ è possibile trovare il software, gli schemi per costruirsi i cavi oppure acquistarli già pronti per l'utilizzo.

catweaselCatweasel MK4 Plus

La Catweasel è una scheda di espansione nata nel 1996 con lo scopo di poter collegare e quindi leggere diversi tipi e formati di floppy.

Con gli anni ed il grande successo riscosso (puntualmente la produzione andava esaurita e il prezzo dell'usato su ebay a volte era maggiore del nuovo) ne sono state sviluppate altre tre versioni: la due che non presenta novità di rilievo, la Catweasel MK3 dalle diverse importanti innovazioni e la MK4 che andremo ad analizzare che presenta qualche miglioria e molti bugfix. Andando al nocciolo della questione, cosa ci permette di fare questa scheda PCI? Molte cose interessanti, innanzitutto ha la funzione, importante dal punto di vista storico, di consentire l'accesso a innumerevoli formati di dischetti, come ad esempio i floppy amiga utilizzando un comune lettore compatibile o, ancora più interessante, permette di collegare un vetusto lettore compatibile da 5 pollici per leggere e scrivere i floppi da 5 ¼ utilizzati dal C64.

Altra caratteristica interessante è la possibilità di collegare due joystick digitali compatibili col Commodore (o volendo anche un mouse) e di giocarci con gli emulatori che lo supportano come Vice, restituendo così gran parte del feeling originale.
Per gli amanti degli emulatori senza 'se' e senza 'ma' è inoltre ghiotta la possibilità di collegare (fisicamente) ben due SID sulla scheda per avere l'audio reale del Commodore 64 e per poter ascoltare i SID stereo di nuova produzione.

Di recentissima introduzione è la nuova versione Catweasel MK4plus, che introduce solo una disposizione più accessibile dei componenti e qualche filtro migliorato per ovviare a schede video ed alimentatori scadenti che potrebbero interferire con l'output audio.
Il giudizio finale non può che essere molto positivo, vista le molte possibilità offerte dalla scheda, anche se tutto questo ha un prezzo e non bassissimo dato che il gioiellino costa circa un centinaio di euro.

Non mancano le dolenti note, ovvero il software: infatti, nonostante la scheda risalga al 2005, il supporto non è mai stato all'altezza dell'hardware, dato che i driver erano incompleti e non era possibile sfruttare al 100% le possibilità della scheda. Per fare un esempio l'unico programma che supporta la funzione stereo dei due SID è Acid Player dalla versione di Marzo 2008. Da segnalare, in negativo, anche la mancanza dei driver per il supporto hardware del joypad amiga cd32 a 6 tasti, anche se c'è da dire che da circa un anno lo sviluppo è ripreso e la situazione è in miglioramento.
Sito produttore | Sito rivenditore italiano - (*Scheda a cura di Catweasel e Mad][/Starship)

Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Last Duel
"Un paio di mesi dopo la discussa review (76%..) del bel Led Storm di Software Creations, arrivò sulle pagine di Zzap (maggio 89) questo Last Duel, conversione di un altro coin-op Capcom che aveva in comune con il primo non solo parte del' impostazione ma anche l'anno di uscita in sala giochi (1988). Rispetto all'edizione inglese il voto di Last Duel fu alzato di una decina di punti e diciamo che ci poteva stare, perchè alla fine si tratta di una discreta conversione che con qualche accorgimento in più poteva diventare valida. Ma non ci lamentiamo più di tanto visto che i programmatori della Tiertex già avevano rovinato dei miti come 1943 o Rolling Thunder. Il coin-op all'epoca me lo sono giocato e devo dire che questo porting lo ricorda abbastanza, sopratutto sui fondali che possiedono una buona varietà e dettaglio, non altrettanto si può dire dei nemici che boss a parte risultano semplificati sia nella quantità che nella qualità. Nel arcade ogni livello ha nemici nuovi, qui si incontrano gli stessi dei primi livelli per tutto il gioco (la versione Amstrad possiede più varietà),considerando che c'è il multiload non è una bella cosa, visto che Led Storm in un singolo caricamento ne offriva di più. Per quanto riguarda il gameplay c'è da evidenziare la possibilità di giocare in doppio, cosa non di poco conto. La frenesia però non raggiunge i livelli dell originale perchè i nemici su schermo sono in numero minore (niente nutrite formazioni da distruggere nei livelli spaziali), inoltre i fondali sono meno animati (assenti le lingue di fuoco oppure le mattonelle scivolose). I livelli ci sono tutti purtroppo manca il commento sonoro durante il gioco, gli effetti sonori comunque sono da preistoria del C 64. Vista la carenza di buoni verticali e il gameplay che prova a differenziarsi dalla massa con 2 sezioni ben distinte, diciamo che Last Duel si può considerare un discreto esempio del genere su 64."
- Scritto da shippo76
Ult. Commento Art.
C64 & Pirateria #00: Introduzione
"Molte di quelle riviste con cassetta contenevano anche recensioni di giochi "ufficiali" e altri articoli; ho scoperto (magari lo sapevate già, ma non mi pare che se ne parli in questo sito) che alcune di queste recensioni sono traduzioni più o ..."
- Scritto da Kirie e Leison
Ospitato su