Curiosità: Gruppo Editoriale Jackson
Articolo di AndreaP, pubblicato il 22-10-2003.
Categoria: Generale.

Vi ricordate che la Jackson fu tra i primi editori italiani durante gli anni '80 a schierarsi decisamente contro la pirateria del software? Vi ricordate la famosa causa contro la SIPE che aveva pubblicato su una delle sue riviste da edicola uno dei giochi di cui la Jackson aveva i diritti per l'Italia? Dato che per qualunque situazione esiste sempre il rovescio della medaglia, adesso vi mostrerò una piccola cosa.

Immaginate di essere nel maggio 1987 e di recarvi ad un edicola a comprare il nuovo numero di "Noi 128 & 64" con tanto di cassetta allegata.

Ecco la copertina:

Sapete che l'usanza di mettere le intro nei crack commodore 64 è un'abitudine che si è sviluppata relativamente tardi? All'inizio si preferiva semplicemente porre la propria sigla nel list, oppure andare a modificare qualche carattere nella schermata iniziale, oppure ancora apporre la propria firma nella pic... Nella pic? Proseguiamo la lettura a pagina 50 della rivista.E' la prima pagina delle recensioni dei giochi:

Tutto normale? Date un'occhiata più approfondita alla prima immagine di Gauntlet.

La Jackson che usa il crack di Softpier per provare il gioco?
E' alquanto strano, ma potrebbe trattarsi di un episodio isolato; andiamo a pagina 53.
Ancora recensioni...


Ingrandiamo un'attimo la picture di Into the Eagle's Nest:

Anche qui la firma di DNS e Pier è inconfondibile... Pensate che sia finita qui?
Andiamo a pagina 56. Di nuovo recensioni...

Ormai il gioco l'avete capito...

Controllate l'immagine di Sigma Seven: Apoteosi finale, DNS, Pier e il Gruppo 2703 al completo...

Questa paginetta non vuole dimostrare niente, se non il fatto che anche durante gli anni '80 la pirateria era un fenomeno capillare, al punto che anche nelle riviste ufficiali i crack venivano usati per le prove software piuttosto che gli originali, che erano difficilmente reperibili.

| | Share
Commenti
Commenta gioco Ci sono 2 commenti per questo articolo. Registrati se vuoi lasciarne uno.
Assurdo!!! Del resto la facilità con la quale si poteva duplicare e "piratare" i software ha per certi versi anche decretato il successo di vendite del c 64. Un po' come è successo pochi anni fa con la prima Playstation. Spesso "la massa" è attirata dalla reperibilità a bassisimo costo di giochi e programmi...
@ - postato da Raf - 31 July 2008 [02:05]
Al riguardo credo sia interessante leggere questa pagina apparsa su Videogiochi News. Il tono è neutro sull'argomento ...molto distante dall'editoriale del numero 44. LINK
@ - postato da Drone - 28 November 2008 [02:25]
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Katakis
"La diatriba Katakis vs Armalyte è sempre esistita, e anche da piccolino (Armalyte però lo conoscevo col nome Campi Stellari su una cassetta scrausa) ne "discutevo" simpaticamente con i miei amici. Oggi da adulto retrogamers, dopo averli rigiocati e finiti nuovamente entrambi, la mia opinione onestamente resta la medesima, e cioè che Katakis è superiore ad Armalyte poiché più accessibile e giocabile. Se da un lato di puro sblastamento Armalyte è superiore a Katakis per via di uno schermo più vasto e più possibilità di dinamicità e di spostamento, è pur vero che quest'ultimo è quasi impossibile da portare a termine. Katakis, diversamente, ci viene incontro attraverso un sistema di armi studiato a pennello, che non abbandona il videogiocatore proprio quando ne ha più bisogno e ci regala una vita extra per ogni livello superato, basta questo? Tecnicamente, poi, Armalyte si può solo sognare il parallasse multistrato di Katakis, la sua varietà degli ambienti, i colori e la musica (e che musica) in game. Sì, ok, Katakis è pieno di bug, le collisioni sono pessime e i boss di fine livello sono solo un pretesto scenografico da sborone, ma cacchio è bello affrontarli e,soprattutto,è DIVERTENTE!La voglia di proseguire è sempre lì che ci fa cliccare sul pulsante fire per ricominciare una nuova partita, consapevoli che riusciremo ad arrivare più in la dell'ultima appena finita. Entrambi titoli da giocare e gustarsi in pieno e nel pieno rispetto dello stile retrò, ma Katakis è un'altra cosa punto!"
- Scritto da Amy-Mor
Ult. Commento Art.
Intervista ad Antony Hager e Paul Docherty
"Intervista da pelle d'oca e molto interessante!Non immaginavo minimamente che dietro la fase di guida di VENDETTA ci fosse la mano "DriftEsperta"di Butler, dopo eoni si scoprono cose e si comprende meglio il perchè di tale qualità.GRAZIE ..."
- Scritto da Amy-Mor
Ospitato su